venerdì, dicembre 14

Accadde Oggi: Michele I, l’ultimo re 5 dicembre 2017: muore l’ultimo Re di Romania

0

Gli anni passano, il tempo scorre e le generazioni cambiano. Inevitabilmente, i grandi eventi storici perdono i loro testimoni e, con loro, la loro memoria diretta: quanti oggi hanno conosciuto di persona i grandi protagonisti della Seconda Guerra Mondiale? Pochissimi. E quanti sono stati essi stessi piccoli (o grandi) attori sul triste palcoscenico del conflitto più violento e sanguinoso della storia? Ancora meno. È nell’ordine delle cose, è sempre stato e sempre sarà così. E un anno fa se ne andava uno di questi: Michele I, Re di Romania.

Membro della dinastia Hohenzollern-Sigmaringen, imparentato con tutta la nobiltà europea grazie al sistema di matrimoni incrociati e alleanze familiari, Michele I fu Re di Romania in due momenti diversi della sua vita. Ereditò il trono nel 1927 direttamente dal nonno Ferdinando I, perché il proprio padre Carlo II, a causa di scandali matrimoniali, era stato costretto a rinunciare al trono. Michele I, tuttavia, aveva solo sei anni: la reggenza venne affidata a un consiglio che, tuttavia, mostratosi incapace di governare, venne sostituito nel 1930 da Carlo II, di ritorno dall’esilio. Michele I, quindi, perse momentaneamente il titolo, tornando a essere erede.

La seconda, più importante fase iniziò nel pieno della Seconda Guerra Mondiale, nel 1940. Giovanissimo, si trovò a fronteggiare il Governo del dittatore filonazista Ion Antonescu, che riuscì a eliminare grazie a un colpo di Stato nel 1944, portando la Romania nell’alveo degli Alleati. Fu costretto da contingenze internazionali a nominare un Governo filosovietico: non servì a niente la sua opposizione. Nel 1947 fu costretto a lasciare la sua Romania, gli furono revocate la cittadinanza e le proprietà di famiglia. Rimase una figura molto popolare in Romania, tanto che, anche dopo la caduta di Nicolae Ceausescu, il Governo rumeno non concesse immediatamente la cittadinanza, temendo eventuali tumulti monarchici.

Solo nel 1997 tornò a essere un cittadino rumeno. Michele I poté quindi trascorrere gli ultimi vent’anni della sua vita senza essere straniero a casa propria. Morì il 5 dicembre del 2017, a 96 anni.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore