sabato, Luglio 24

Accadde Oggi: Malawi, doppio anniversario 6 luglio 1964 e 1966: il Malawi è indipendente ed è una Repubblica

0

Gli Stati africani sono solitamente di grandi dimensioni, con confini squadrati a testimonianza della propria artificialità, essendo stati decisi, il più delle volte, in Europa, a seguito di spartizioni fra le varie potenze imperialistiche. Sono poche le entità statali che si discostano da questo pattern. Fra queste, c’è il Malawi.

I confini del Malawi fanno sembrare questo povero Stato africano come schiacciato dai suoi vicini, come se riesca a fatica a trovare spazio fra i suoi vicini: Mozambico, Zambia e Tanzania lasciano poco spazio al Malawi, che può però contare sulla vicinanza dell’omonimo lago, che occupa un terzo del proprio territorio. Conosciuto in passato con il nome Nyasaland, il Malawi non sfuggì al fenomeno colonialistico: fu prima una colonia e poi, dal 1953, un protettorato britannico, unito in federazione con la Rhodesia (attuali Zambia e Zimbabwe). Il 6 luglio è una data importante per questo Stato che, nonostante le sue ridotte dimensioni, può contare su una popolazione di 18 milioni di abitanti. In questa data, infatti, ottenne l’indipendenza dal Regno Unito: era il 1964, la federazione con la Rhodesia non esisteva più e il Nyasaland si diede il nome di Malawi.

Sempre in questa data, ma due anni dopo, divenne ufficialmente una Repubblica. La nuova Costituzione rendeva il Malawi uno Stato monopartitico, con il partito del Presidente Hastings Banda, il Malawi Congress Party, come unico legale. Iniziò un pluridecennale periodo di dittatura, sancita definitivamente con la nomina di Banda come Presidente a vita del Malawi. In questi anni, tuttavia, nonostante la mancanza di libertà politiche, il Malawi ottenne discreti successi economici. Solo nel 1993 Banda concesse un referendum, tramite il quale il popolo decise per una democrazia multipartitica, che portò alle elezione del 1994: Banda fu sconfitto e fu la fine del regime dittatoriale. In Malawi iniziava una nuova storia.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->