lunedì, ottobre 22

Accadde Oggi: Macao diventa cinese 20 dicembre 1999: il Portogallo cede la sua ex colonia Macao alla Repubblica Popolare Cinese

0

I meno giovani fra di voi probabilmente ricorderanno ‘Macao’, il programma di Gianni Boncompagni che andava in onda nella seconda serata di Rai Due fra il 1997 e il 1998. Come molti programmi del celebre autore televisivo e radiofonico, recentemente scomparso, era molto innovativo: si trattava di un talk show sperimentale condotto da Alba Parietti e vedeva la partecipazione di molti comici, come Enrico Brignano e Paola Cortellesi. Prendeva il nome da una città cinese, Macao appunto, che per secoli è stata una colonia del Portogallo e che, proprio poco tempo dopo la chiusura della trasmissione, veniva ceduta dallo Stato lusitano alla Repubblica popolare cinese.

Il 20 dicembre 1999 l’ex colonia portoghese diventava cinese, pur con tutta una serie di autonomie che la rendono, sul modello di Hong Kong (divenuta cinese solo due anni prima), una regione ad amministrazione speciale. La città, oggi, è una delle aree con il maggior indice di sviluppo umano in Asia e la sua popolazione è una delle più longeve al mondo.

Il suo statuto speciale, che, secondo gli accordi sino-portoghesi del 1987 (con cui Macao è passata sotto la giurisdizione cinese), dovrebbe durare fino al 2049, le garantisce un’autonomia totale per gli affari interni, mentre al governo cinese è affidata la gestione della difesa dell’area e degli affari di politica estera. Turismo e gioco d’azzardo sono le sue fonti di guadagno principali, ma le attività bancarie e produttive, specialmente nel settore tessile, costituiscono una non trascurabile voce nel PIL.

La secolare influenza portoghese può essere vista nell’architettura della città: osservando le rovine della Cattedrale di San Paolo, un turista potrebbe avere la sensazione di essere vicino a Lisbona, più che a Pechino! Se non ci credete, date uno sguardo a questo video, per una rapida immersione in questo piccolo angolo di Portogallo nel vasto continente asiatico.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore