lunedì, Dicembre 6

Accadde Oggi: Lili’uokalani, l’ultima regina delle Hawaii 29 gennaio 1891: Lili’uokalani sale al trono delle Hawaii

0

Le monarchie, come ogni prodotto umano, hanno un inizio, uno sviluppo più o meno lungo e, inesorabilmente, prima o poi, una fine. La fine può avvenire per cause violente, come una rivoluzione o una guerra, per una riforma istituzionale graduale con un passaggio dalla forma monarchica a quella repubblicana, a causa di un referendum, come nel caso italiano.

Oggi, vi raccontiamo di una monarchia di cui si parla poco, ma che ha avuto una sua interessante storia: il Regno delle Hawaii. L’arcipelago del Pacifico, prima di diventare territorio statunitense nel 1898, era infatti uno Stato indipendente vero e proprio e per oltre un secolo fu una monarchia, da quando, nel 1795, le varie isole hawaiane si unirono sotto la corona del primo re hawaiano, Kamehameha I. Il suo nome significa, nella lingua delle Hawaii, ‘uomo solitario’, e ha iniziato una dinastia che è proseguita fino a Kamehameha V, ultimo re hawaiano a portare il suo nome.

Ma non fu l’ultimo re delle Hawaii: dopo Lunalilo e Kalakaua, a concludere la dinastia fu una lontana nipote del re Kamehameha I, Lili’uokalani, nata come Lydia Kamehameha. Ella salì al trono il 29 gennaio 1891, ma durò solo due anni, fino al gennaio del 1893. Tentò una riforma costituzionale: quattro anni prima della sua salita al trono, i coloni bianchi legati agli interessi economici della madrepatria avevano imposto con la violenza una Costituzione che esautorava il re e affidava il potere alle Camere, la cui composizione fu limitata ai soli ricchi possidenti, per lo più bianchi. Lili’uokalani tentò di ripristinare la vecchia Costituzione, ma fu contrastata, finché non dovette cedere. Il Regno delle Hawaii divenne una Repubblica: cinque anni, prima di essere annessa agli Stati Uniti.

Una curiosità: ai fan dei cartoni animati giapponesi, il nome ‘Kamehameha’ non risulterà nuovo: è il nome giapponese dell’Onda Energetica di Dragon Ball. Curiosamente, proprio la parola ‘Kamehameha’, in giapponese, significa ‘onda distruttrice della tartaruga’, ragione per cui fu scelta dall’autore del manga, su suggerimento della moglie, per nominare la mossa di lotta più iconica del protagonista. Il nome fu ispirato proprio al celebre re hawaiano.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->