venerdì, Settembre 17

Accadde Oggi: le mille vite di Hiram Bingham 24 luglio 1911: scoperta del Machu Picchu

0

Quante vite possono essere vissute da un uomo solo? Questa domanda sembra essere l’inizio di un vuoto esercizio retorico, fine a se stesso e utile puramente a fare mostra di bella scrittura e poco più. Che cosa vuol dire, infatti, vivere più vite in una? Quale sarebbe il senso e quali i significati più reconditi?

Sono domande senza risposte, anche perché non si applicano alle vite di esseri umani comuni. Bisogna essere come Hiram Bingham per avere le caratteristiche adatte a rispondere alle questioni. Chi meglio di lui, infatti, che ha vissuto più di una vita nell’arco della sua esistenza?

Nato nelle Hawaii nel 1875, insegna storia e politica a Harvard e a Princeton. Alla vita da docente universitario, affiancò quella di aviatore, impegnato nella Prima Guerra Mondiale, e politico, come Governatore del Connecticut e Senatore del Congresso americano (come rappresentante del Partito Repubblicano). Ma fu un’altra delle sue tante vite a renderlo famoso in tutto il mondo.

 La vita da insegnante, evidentemente, non gli bastava: decise di trasferire le sue conoscenze dalla teoria alla pratica e divenne esploratore. Durante questa fase della sua esistenza compì la scoperta che lo fece famoso in tutto il mondo: era il 24 luglio del 1911 quando Bingham riscoprì, fra le impervie montagne del Perù, l’antica città inca del Machu Picchu, attualmente terzo sito archeologico al mondo per estensione. La scoperta ebbe un’eco mondiale: conquistò la copertina del National Geographic. Anni dopo, sorsero delle polemiche: pare infatti che altri, prima di lui, avessero scoperto l’area. Ma chi può dire di aver scoperto davvero un posto: chi l’ha trovato o chi l’ha messo sulla mappa?

Ad ogni modo, queste sono le tante vite vissute da Hiram Bingham. La sua vita è stata così avventurosa che si dice che la figura di Indiana Jones sia stata ispirata a lui. E quindi, oltre a essere stato professore, politico, aviatore, esploratore e archeologo, è anche diventato un personaggio iconico del cinema.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->