giovedì, ottobre 18

Accadde Oggi: le isole che non ci sono (più) 10 ottobre 2010: dissoluzione delle Antille Olandesi

0

Churandy Martina è un centometrista. Alle Olimpiadi di Pechino del 2008, riuscì a raggiungere uno storico secondo posto, dietro solo a Usain Bolt, il più veloce di sempre. Non ottenne però l’argento: i giudici lo squalificarono per aver invaso la corsia avversaria. Sarebbe stata una medaglia storica per le Antille Olandesi, la nazione che rappresentava. Decise quindi di riprovarci quattro anni dopo: ai Giochi di Londra del 2012 arrivò nuovamente in finale, ottenendo, tuttavia, solo un quinto posto. Questa volta, però, non correva più per le Antille Olandesi, ma per i Paesi Bassi. Come mai?

Churandy Martina non era emigrato dalle sue Antille, né si era sposato e ottenuto la cittadinanza della moglie. Semplicemente, le Antille Olandesi non esistevano più. O meglio: Bonaire, Saba, Sint Eustatius, Curaçao e Sint Maarten – questo il nome delle isole che componevano le Antille Olandesi – continuavano a esistere fisicamente, ma non costituivano più un’entità politica autonoma.

Le Antille Olandesi erano parte del Regno dei Paesi Bassi, di cui erano una nazione costitutiva insieme ai Paesi Bassi, al Suriname e ad Aruba (parte delle Antille fino al 1986). A causa di una riforma amministrativa, il 10 ottobre 2010 le Antille Olandesi cessarono di esistere come entità amministrativa Curaçao e Sint Maarten divennero autonome – pur sempre parte del Regno dei Paesi Bassi – mentre Bonaire, Saba e Sint Eustatius divennero parte integrante dei Paesi Bassi, di cui diventarono municipalità speciali.

Churandy Martina è nato a Willemstad, capitale dell’isola di Curaçao: dissolte le Antille Olandesi, doveva scegliere se continuare la sua carriera sotto la bandiera della sua terra, diventata autonoma, o se optare per quella del suo Stato. Scelse la seconda opzione. Sempre con quel piccolo rammarico: se solo non avesse invaso la corsia di un suo avversario in quella maledetta finale dei Giochi Olimpici di Pechino del 2008…

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore