mercoledì, novembre 14

Accadde Oggi: la posta unisce il mondo 9 ottobre 1874: nasce l’Unione postale universale

0

SMS, mail, servizi di instant messaging, social network, etc. Oggi, se si vuole comunicare con qualcuno, si ha solo l’imbarazzo della scelta. Basta un dispositivo (sia esso telefonico o informatico), una linea e un contatto e il gioco è fatto: ci si può tenere in contatto con persone all’altro capo del mondo. È forse l’elemento più evidente, tangibile e quotidiano della globalizzazione. O, meglio, del progresso tecnologico applicato alla globalizzazione.

Solo fino a pochi anni fa, tutto questo era impensabile, ma non bisogna pensare che la nostra sia la prima epoca ‘globale’.

Per quanto strano può apparire, la fine del diciannovesimo secolo fu un periodo di grandi movimenti, fermenti culturali e vivacità economica, giusto poco prima dell’esplosione dei vari nazionalismi (che, sotto traccia, preparavano i germi per lo scoppio della Grande Guerra). E non si può pensare di unire davvero il mondo senza un sistema di comunicazione che sia efficace, preciso e coordinato. Questo vale oggi così come nella seconda metà dell’Ottocento.

Il telefono, a quei tempi, era una tecnologia ancora non conosciuta: Antonio Meucci stava compiendo i suoi studi proprio in quegli anni e occorsero molti decenni prima che si affermasse in tutto il mondo. L’unica forma di comunicazione utilizzata allora era pertanto quella postale. Sorgeva un problema: ogni Stato aveva il proprio sistema, le proprie tariffe, le proprie modalità di erogazione del servizio. Occorreva perciò ritrovarsi e armonizzare a livello più ampio possibile i diversi sistemi postali. Perché, in epoca di globalizzazione, il tempo è denaro.

Il 9 ottobre 1874, a Berna, Svizzera, si firmò il trattato che andò a istituire l’Unione postale generale (in seguito, Unione postale universale, UPU). Fu il risultato di anni di preparativi e riuscì nel risultato previsto. Fu uno dei primi momenti in cui il mondo iniziò davvero a unirsi, tanto che, dal 1948, l’UPU divenne un’agenzia delle Nazioni Unite.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore