sabato, dicembre 15

Accadde Oggi: l’ Opec, il cartello del petrolio 14 settembre 1960: nasce l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio

0

Gli anni successivi all’immediato secondo dopoguerra furono caratterizzati da una crescita economica vertiginosa, come mai il mondo aveva conosciuto prima di allora. Eric Hobsbawm, storico fra i massimi conoscitori dell’età contemporanea, nel suo ‘Il secolo breve’, definiva questo periodo come ‘L’età dell’oro’. E c’è da credergli: la produzione industriale crebbe in maniera esponenziale, le fabbriche crebbero a dismisura, così come aumento il numero degli occupati, avvenne il cosiddetto baby boom, con un aumento strepitoso delle nascite, e si instaurò definitivamente quella che venne poi chiamata ‘società dei consumi’. Di conseguenza, crebbe il consumo di energia e le riserve di fonti energetiche divennero strategiche per stare dietro ai ritmi forsennati imposti dalla crescita economica. Fu probabilmente in quegli anni che ci si rese conto di come il petrolio fosse effettivamente da considerare ‘oro nero’.

I giacimenti petroliferi erano tuttavia situati lontani da dove si godeva dei meravigliosi frutti del benessere economico e società appartenenti alle potenze traino del boom economico (soprattutto Stati Uniti e Inghilterra) controllavano e gestivano i siti estrattivi secondo i propri interessi. Erano le cosiddette ‘sette sorelle’, come vennero definite da Enrico Mattei, Presidente di Agip e fra i più importanti protagonisti di quell’epoca.

I Paesi produttori di petrolio non potevano quindi approfittare delle ricchezze che il loro terreno poteva garantire. Per ovviare a questa evidente iniquità, alcuni fra questi si riunirono nell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (Organization of the Petroleum Exporting Countries, OPEC), che venne fondata il 14 settembre del 1960, a Baghdad, su iniziativa del Presidente venezuelano Romulo Betancourt. Si tratta di un cartello, che impegna i Paesi membri a fissare i prezzi e le quantità di petrolio da esportare, riuscendo a influenzare in maniera consistente il valore del greggio. È un’organizzazione centrale per gli interessi di molti fra i quattordici Paesi membri, le cui esportazioni si basano quasi esclusivamente sul petrolio.

https://youtu.be/XEgbLjBzrCc

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore