sabato, Luglio 31

Accadde Oggi: Kyoto, una firma per il Clima 11 dicembre 1997: si firma il ‘Protocollo di Kyoto’

0

Sebbene ci sia ancora chi si ostina a negarlo, il riscaldamento globale (o global warming, per dirla all’inglese) è uno dei problemi più grandi che l’umanità intera dovrà affrontare nei prossimi decenni e rappresenta forse la sfida più imponente del XXI secolo. Le temperature, a causa del costante peggioramento del grado di inquinamento, stanno aumentando in maniera graduale ma inesorabile e, se non dovesse essere presa alcuna misura significativa condivisa, i rischi per l’ambiente e, di conseguenza, la vita sulla Terra inizieranno a pesare sull’esistenza di ognuno.

Qualche passo è stato compiuto, nel frattempo: l’11 dicembre 1997 è stato infatti firmato il ‘Protocollo di Kyoto’, che impegnava i firmatari a ridurre, entro il 2012, le emissioni di gas serra del 5,2% rispetto al 1990. L’accordo sarebbe entrato in vigore se avesse coinvolto almeno 55 firmatari che rappresentassero almeno il 55% delle emissioni dei Paesi sviluppati, come è effettivamente avvenuto. Sono previsti, nel Protocollo, alcuni strumenti per aiutare gli Stati a rispettare l’accordo, come, ad esempio, l’Emission Trading, per cui, uno Stato che fosse riuscito a ridurre le emissioni ben più del dovuto, può ‘cedere’ parte di tali emissioni ridotte nel computo di uno Stato che non ci fosse riuscito.

Non tutti lo hanno ratificato: gli Stati Uniti, firmatari, non hanno ancora ratificato l’accordo e il Canada, che l’ha ratificato solo nel 2002 (insieme alla Russia), è stato poi il primo Stato, nel 2011, a uscirne. Al momento sono 175 gli Stati firmatari del ‘Protocollo di Kyoto’, rappresentanti più del 60% delle emissioni, raggiunto solo con l’ingresso del gigante russo. Non tutto però è così semplice: come dimostra questo rapido video, gli accordi sono stati meno pacifici di quello che è sembrato e il tutto ha poi rischiato di sfociare in uno scontro fra egoismi personali. E le temperature, nel frattempo, aumentano.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->