sabato, Maggio 8

Accadde Oggi: Kuwait e Iraq, iniziano i guai 2 agosto: invasione del Kuwait

0

Il casus belli non è mai la ragione che porta all’esplosione di una guerra, ne è solo il pretesto. Dietro lo scoppio di un conflitto c’è sempre una grande serie di motivazioni, di tipo economico, finanziario, strategico e ideologico. Il casus belli è la scintilla che fa divampare l’incendio, ma, se non ci fossero sterpaglie, legname e stoppie, il fuoco non si svilupperebbe.

Tuttavia, per un processo mentale di associazione, quando si parla di una guerra, viene subito in mente il casus belli. Così, quando si parla di Grande Guerra, il pensiero corre all’arciduca Francesco Ferdinando e a sua moglie assassinati a Sarajevo da Gavrilo Princip, della Seconda Guerra Mondiale si ricorda l’invasione della Polonia e così via. L’anniversario odierno riguarda un conflitto molto più recente: la Prima Guerra del Golfo. Il 2 agosto 1990, le truppe irachene di Saddam Hussein invasero il piccolo emirato del Kuwait.

Saddam Hussein dichiarò infatti il Kuwait colpevole di aver ‘rubato’ petrolio dai giacimenti iracheni: pertanto, l’invasione del piccolo emirato serviva da compensazione a questi torti subiti. Inoltre, un’annessione dei territori kuwaitiani consentivano all’Iraq di mettere le mani sui porti di importanza strategica, da un punto di vista militare ed economico. In realtà, l’invasione fu conseguenza dell’incapacità irachena di pagare i propri debiti con il Kuwait, che aveva fornito pieno sostegno a Saddam Hussein nella sua guerra contro l’Iran. Trovatosi nell’incapacità di ripagare il debito, il rais aveva provato a chiederne il condono al Kuwait che, avendo subito anche pesanti perdite per il sostegno dato contro l’Iran, aveva rifiutato. Dopo un’escalation di tensioni, si è arrivati all’invasione: in poche ore, il Kuwait cadde nelle mani irachene.

Gli Stati Uniti vedevano in pericolo i propri interessi sul Golfo Persico e si prepararono all’attacco, che sarebbe arrivato nel gennaio del 1991. La Guerra del Golfo aveva inizio.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->