sabato, ottobre 20

Accadde Oggi: il treno del progresso 4 ottobre 1883: compiuto il primo tragitto dell’Orient Express

0

Agli occhi di chi vive nel III millennio è difficile capire quanto innovativo fosse un mezzo di trasporto come il treno per quanti sono vissuti nell’Ottocento. Si può provare a immaginare, si può tentare di individuare razionalmente tutte le ragioni per cui questa invenzione fosse economicamente, logisticamente e pragmaticamente vantaggiosa, ma è pressoché impossibile comprendere il reale impatto, anche emotivo, che ebbe nella vita dell’epoca. Impatto che fu devastante: le distanze vennero abbattute, città lontanissime improvvisamente erano più vicine e merci e persone si muovevano con rapidità prima sconosciuta. La ferrovia segnò un’epoca e divenne essa stessa simbolo di progresso.

Alcune tratte ferroviarie erano più importanti di altri: si pensi a quelli che collegavano le grandi città di uno Stato e che, in casi come l’Italia e la Germania, contribuirono a unire una nazione che per lungo tempo era stata divisa; o si pensi a quelle che univano i porti alle città industriali. Alcune di queste tratte, tuttavia, entrarono a far parte della leggenda. L’Orient Express fu una di queste.

Fu un’opera di dimensioni straordinarie, che univa il cuore pulsante del Vecchio Continente alle sue periferie, fino alle porte dell’oriente. Il tragitto originale, compiuto per la prima volta il 4 ottobre 1883, il tragitto iniziava presso la Gare de l’Est di Parigi e si concludeva a Istanbul, allora capitale dell’Impero Ottomano con il nome di Costantinopoli. Oltre a Francia e Impero Ottomano, il percorso attraversava Impero Prussiano, Impero Austro-Ungarico, Romania, collegando così i due mondi e i due modi che si sarebbero mortalmente contrapposti con la Prima Guerra Mondiale.

La storia dell’Orient Express era destinata a conoscere il massimo successo nel periodo fra le due guerre, in cui la tratta divenne sinonimo di lusso e comfort e, al tragitto originario, se ne affiancarono altre. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, invece, l’importanza dell’Orient Express andò scemando, per poi scomparire nei primi anni 2000. La sua storia era finita, ma non la sua leggenda: molti racconti, film, canzoni e opere d’arte in generale furono ambientate o presero ispirazione dall’Orient Express che, sulle rotte del Progresso, avvicinava popoli, culture e costumi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore