lunedì, Maggio 17

Accadde Oggi: il cavallo entra a Troia 24 aprile 1184 a. C.: il cavallo fa il suo ingresso nella città nemica

0

In questa rubrica ci si è occupati sempre di eventi storici realmente accaduti, in precise e documentate date, che hanno cambiato, in grande o in piccolo, il corso degli eventi, lasciando un segno indelebile nelle generazioni successive. Oggi, invece, ci si occuperà di un evento che, invece, non è mai avvenuto ma che ha lasciato un marchio duraturo nell’immaginario collettivo di miliardi di persone.

Non occorre essere colti classicisti o profondi conoscitori dei cicli omerici per sapere delle vicende che hanno visti protagonisti le popolazioni dell’Antica Grecia contro gli eterni nemici di Troia. Il leggendario poeta Omero ne ha narrato le vicende nell’Iliade, in cui ha narrato le vicende dei grandi eroi achei e troiani. L’opera racconta solo gli ultimi giorni di un conflitto che, secondo il mito, sarebbe durato dieci anni. Diversamente da quanto si crede, tuttavia, le vicende narrate nell’Iliade non si concludono con la caduta di Troia, ma con i funerali di Ettore, principe di Troia e nemico giurato di Achille, che lo aveva assassinato. Fu solo nell’Eneide di Virgilio che veniamo a sapere come cadde la gloriosa città nemica degli Achei: Enea, il protagonista del poema di Virgilio, racconta come gli antichi greci hanno escogitato il proverbiale cavallo di Troia, riuscendo a introdursi fra le mura nemiche e a distruggere con l’inganno gli avversari di sempre. Secondo la tradizione, questo avvenne il 24 aprile del 1184 a. C.

La leggenda del cavallo di Troia è quanto di più emblematico per capire come anche un evento frutto dell’inventiva creativa umana, o di una libera interpretazione figurata di un artista, possa colpire l’immaginario degli uomini e diventare parte del proprio patrimonio culturale, più di alcuni eventi storici. Una storia ben narrata riesce a toccare le corde più segrete dell’immaginazione umana e a cambiare, in un modo tutto particolare, le vite degli uomini e la loro storia personale.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->