domenica, Maggio 9

Accadde Oggi: Hyakutake, comete, che passione! 30 gennaio: l’astronomo dilettante Yuji Hyakutake scopre una cometa

0

Ognuno ha una sua passione che, nel tempo libero, ama approfondire. C’è chi ama la fotografia, chi lo sport, chi il cinema.  Spesso queste attività si praticano per il semplice piacere che deriva dal praticarle, senza un guadagno economico (spesso, anzi, le passioni costano!), in maniera disinteressata. Tuttavia, il sogno di chiunque segua con dedizione la propria passione è quello di realizzarsi attraverso di essa e fornire a essa il proprio piccolo ma significativo contributo.

Yuji Hyakutake è stato fra i pochi semplici appassionati che può vantarsi di aver dato non uno, ma ben due contributi all’oggetto della propria passione. Il giapponese era un astronomo dilettante, che amava osservare il cielo stellato alla ricerca di stelle, comete e corpi celesti. Un giorno osservò qualcosa di mai visto prima: una luce diversa, non segnalata in nessuno dei testi e delle carte astronomiche da lui consultati. Fatte le verifiche e, probabilmente, ancora incredulo, dovette arrendersi alla realtà: aveva scoperto una nuova cometa. Ecco che, il giorno di Natale del 1995, il giapponese scoprì la cometa C/1995 Y1.

Quello che è particolare è che, dopo poco più di un mese, lo stesso astronomo dilettante ci riesce di nuovo e questa volta riesce a fare meglio: il 30 gennaio 1996, infatti, Yuji Hyakutake scoprì la cometa C/1996 B2, ribattezzata in suo onore ‘cometa Hyakutake’. Quest’ultima cometa fu la Grande Cometa del 1996, visibile ad occhio nudo, che ebbe quell’anno una grande rilevanza anche dal punto di vista mediatico: fu così vicina che il movimento era percepibile. Hyakutake morì solo sei anni dopo, a 52 anni, e poté godersi solo per poco tempo questa grande soddisfazione. Tuttavia, il suo nome resterà legato per sempre alla storia dell’astronomia, rimanendo così imperituro esempio di come le proprie passioni, se coltivate con pazienza e costanza, possano essere fonte di grandi successi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->