lunedì, Maggio 17

Accadde Oggi: finisce la prima guerra ‘globale’, quella del Golfo 28 febbraio 1991: non c’era più la contrapposizione fra due mondi, ma tutto era interconnesso, tutti erano parte di un unico mondo

0

Gli anni novanta verranno ricordati in futuro come il decennio della globalizzazione. Dopo mezzo secolo di bipolarismo, con il mondo suddiviso fra Stati Uniti d’America e Unione Sovietica con i rispettivi alleati, con il crollo dei comunismi simboleggiati plasticamente dall’abbattimento del muro del Berlino, si chiuse un’epoca, tanto che alcuni storici, come Francis Fukuyama, parlarono addirittura di ‘fine della Storia’. In realtà, per un periodo che si chiudeva, ce n’era un altro che si apriva: per cinquant’anni si era convissuto con un più o meno costante pericolo dell’esplosione di un conflitto nucleare che avrebbe distrutto la vita sulla Terra, ma a questa preoccupazione l’uomo aveva fatto l’abitudine.

La nuova era che si apriva, benché, a quanto sembrava, priva di pericoli atomici, aveva delle incognite che lasciavano inquieti i più. Il 2 agosto 1990, l’Iraq di Saddam Hussein invase il piccolo (e ricchissimo di petrolio) Kuwait: la Guerra del Golfo aveva ufficialmente inizio. Il 17 gennaio 1991, una coalizione formata da 35 Stati, coordinata dall’ONU e guidata dagli Stati Uniti diedero inizio all’operazione Desert Storm.

Questo fu, anche simbolicamente, un conflitto molto importante: venne definita come la prima guerra del villaggio globale. Non c’era più la contrapposizione fra due mondi, che avevano fra loro, nella migliore delle ipotesi, pochi e freddi contatti, ma tutto era interconnesso, tutti erano parte di un unico mondo. Questa prima guerra durò poco: il 28 febbraio 1991, dopo che il Kuwait fu libero, il conflitto si poté dire ufficialmente concluso.

Le operazioni militari durarono poco più di un mese, a differenza di quelle che furono intraprese nella Seconda Guerra del Golfo, del 2003, terminata solo 8 anni dopo, dopo l’abbattimento del regime di Saddam Hussein e il completamento del passaggio dei poteri dalle forze occupanti alle autorità locali. Il villaggio globale, dal crollo dei comunismi, aveva conosciuto tante guerre di nuova generazione: se quella del 1990-91 è stata la prima, quella del 2003-11 è stata una delle più sanguinose.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->