sabato, Settembre 18

Accadde Oggi: Fidel Castro annuncia il ritiro 19 febbraio 2008: il Lider Maximo lascia la guida di Cuba

0

Il Novecento è, per eccellenza, il secolo dell’immagine. La diffusione della fotografia, delle pellicole cinematografiche e della televisione hanno permesso a chiunque di conoscere l’aspetto di grandi protagonisti della storia contemporanea, contrariamente ai secoli precedenti, quando le sculture, i dipinti e i ritratti non erano a portata di tutti, erano difficilmente riproducibili e, per varie ragioni (non ultima, una certa vanitosità dei committenti) non erano spesso aderenti alla realtà.

Tutti i protagonisti del Novecento lo avevano capito e usarono questa nuova possibilità a fini propagandistici e di promozione della propria immagine. Fu così che tutti conoscevano l’espressione malvagia di Hitler, il mento volitivo di Mussolini, ma anche lo sguardo rassicurante di Kennedy, il viso paterno di Giovanni XXIII e il seducente sorriso di Marilyn Monroe.

E come non ricordare l’iconico volto di Ernesto Che Guevara o quello, deciso, di Fidel Castro? Quest’ultimo è stato uno dei più grandi protagonisti dell’intero secolo e ha governato su Cuba dal 1959 al 2008, quando, il 19 febbraio annunciò che avrebbe lasciato la carica presidenziale (mentre mantenne il ruolo di primo segretario del Partito fino al 2011) e che si sarebbe, pertanto, ritirato dall’attività politica, cosa che avvenne cinque giorni dopo, il 24 del mese.

Nei 49 anni da leader di Cuba – di cui 17 in qualità di Primo ministro e i restanti 32 come Presidente del Consiglio di Stato e del Consiglio dei Ministri – Castro è stato protagonista e testimone di molti degli eventi storici della seconda metà del Novecento: dalla crisi missilistica di Cuba del 1962, agli interventi militari in Africa, ad esempio nella Guerra civile in Angola, al crollo dell’Unione Sovietica, sua alleata, fino alle sfide del Nuovo Millennio. Il febbraio di 10 anni fa è stato l’ultimo da leader politico, ma la sua figura rimarrà indelebilmente legata alla storia di quella terra e non solo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->