sabato, Ottobre 23

Accadde Oggi: FARC, guerra aperta in Colombia 4 settembre 1996: le FARC assediano la base militare di Guaviare

0

Il 2016 è stato un anno importante per la storia della Colombia: dopo oltre 30 anni, infatti, si concludeva il conflitto che ha visto coinvolto lo Stato con i guerriglieri del Fronte Armato Rivoluzionario di Colombia, meglio conosciute con il loro acronimo FARC. Si chiudeva così una delle pagine più sanguinose della storia colombiana, le cui sofferenze ancora oggi continuano a farsi sentire. Stato e rappresentanti delle FARC siglarono una vera e propria pace che, se da un lato ha avuto l’indubbio merito di aver abbassato notevolmente il livello della tensione e della violenza sociale, dall’altro ha portato a più di un dibattito sulla legittimità di tale accordo. Ci si è chiesti: è giusto permettere a questi guerriglieri, che tanto dolore e morte hanno seminato, di non pagare per i propri crimini?

Le FARC, di ideologia marxista-leninista, hanno condotto per decenni una lotta senza quartiere, per promuovere una rivoluzione armata, finanziandosi con il traffico di droga e andando così ad aggiungersi alle altre piaghe che funestavano la Colombia, come i narcotrafficanti e i gruppi paramilitari di estrema destra.

Per capire il livello della violenza raggiunto in quegli anni, si può prendere ad esempio quello che successe il 4 settembre del 1996, quando i guerriglieri delle FARC assaltarono la base militare colombiana di Guaviare, dando il via a ben tre settimane di guerriglia, che provocarono 130 vittime. Numeri da guerra vera e propria. E si consideri che, secondo stime delle Nazioni Unite, la percentuali di vittime civili provocate dalle FARC (insieme all’ELN, un altro gruppo di guerriglieri di sinistra) è solo il 12% del totale: i gruppi paramilitari di destra e i trafficanti di droga raggiungono l’80%.

Torna quindi la domanda? È giusto scendere a patti con chi ha provocato così tanta sofferenza? Ancora oggi il dibattito è aperto: il nuovo Presidente, Ivan Duque, ha vinto le elezioni facendo campagna elettorale su questo tema.

https://youtu.be/L3i7R__JKBA

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->