domenica, Ottobre 24

Accadde Oggi-Falkland: piccole isole, grandi battaglie 8 dicembre 1914: inizia la Battaglia delle Falkland

0

Le isole Falkland sono un piccolo arcipelago al largo delle coste del Sud America, abitate da poco più di 2000 persone. Nonostante le loro piccole dimensioni, sono però sempre al centro di controversie: appartengono formalmente al Regno Unito (i propri abitanti hanno cittadinanza a tutti gli effetti britannica), ma, per vicinanza geografica e per ragioni politiche, sono rivendicate anche dagli argentini, che, infatti, le considerano parte integrante del proprio territorio, con il nome di ‘Islas Malvinas’.

I due Stati sono venuti anche allo scontro aperto, con la guerra delle isole Falkland del 1982, vinta dal Regno Unito, ai tempi guidato da Margaret Thatcher: Galtieri, presidente di un’Argentina allora guidata dalla Giunta militare, aveva attaccato le isole per ragioni propagandistiche: lo Stato sudamericano attraversava una grossa crisi finanziaria e la Giunta si giocò la carta del nazionalismo per raccattare consensi fra la popolazione. Purtroppo per loro, le cose non andarono come previsto e la Gran Bretagna ottenne una brillante vittoria.

Ma non è l’unico scontro che si sia tenuto su queste isole. Benché noi siamo abituati a considerare la Prima Guerra Mondiale come un fatto svoltosi principalmente nelle trincee d’Europa, una parte minore ma significativa degli scontri sono avvenuti anche al di fuori del nostro Continente e, l’8 dicembre 1914, Gran Bretagna e Impero Tedesco si sono scontrati a quelle latitudini nella battaglia delle Falkland. Fu una battaglia navale fu vinta dalla Gran Bretagna, risultando decisiva per le sorti della guerra in quell’area dell’Oceano Atlantico: ebbe anche un significato e un’importanza tecnologica, in quanto furono usate, per la prima volta, le tecnologie del telegrafo per comunicare le posizioni dei nemici.

Nel video, alcune immagini di quel periodo, in un interessante documentario inglese (non spaventatevi per la lingua, ci sono i sottotitoli!), che danno una visione complessiva di quello che stava accadendo nei primi tragici mesi del primo conflitto mondiale.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->