martedì, novembre 13

Accadde Oggi: Djandoubi, l’ ultimo ghigliottinato 10 settembre 1977: Hamida Djandoubi subisce la pena capitale

0

‘Dei delitti e delle pene’ del 1764 è un’opera chiave per la riflessione occidentale intorno ai principi giuridici. L’opera di Cesare Beccaria spiegava come la pena di morte fosse un misura eccessivamente sproporzionata, grave, perché irreversibile, e controproducente, perché, se la sua utilità fosse legata al suo essere deterrente dei delitti, non si era dimostrata sino ad allora efficace, sotto questo punto di vista. Il libro ispirò alcuni sovrani, come il granduca di Toscana Pietro Leopoldo, ad abolire la pena di morte e molti ne avrebbero seguito l’esempio negli anni successivi.

Oggi, l’abolizione della pena di morte è un dato acquisito in Europa, tanto che sembrerà strano sapere che l’ultima volta che questa fu applicata nel Vecchio Mondo fu non più tardi di 41 anni fa, in Francia. Hamida Djandoubi fu l’ultimo uomo a subire questa pena, che in Francia si eseguiva tramite la ghigliottina. Una vecchia abitudine da quelle parti.

Nel 1968, Djandoubi aveva 19 anni quando si trasferì dalla Tunisia a Marsiglia, dove lavorò in un negozio di frutta e verdura. Si rese protagonista dell’atroce assassinio di Élisabeth Bousquets, sua ex ragazza, morta dopo essere stata rapita e torturata. Denunciato da un’altra ragazza, sopravvissuta a un altro suo rapimento, venne catturato, processato e condannato a morte. Tentò di ricevere la grazia dal Presidente francese Valéry Giscard-d’Estaing, ma dall’Eliseo non arrivò la risposta sperata. Il 10 settembre del 1977, alle ore 4:40 del mattino, presso il carcere marsigliese di Baumettes, la ghigliottina venne azionata per l’ultima volta sul territorio europeo: la lama recise definitivamente il capo di Hamida Djandoubi dal resto del suo corpo e, con esso, la sua vita.

Occorsero ancora quattro anni, però, prima che la pena di morte fosse abolita dalla legislazione francese. Fu merito del Presidente François Mitterand che, nel 1981, abolì la pena capitale

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore