mercoledì, novembre 14

Accadde Oggi: da Presidente a Presidente 8 novembre 1864-2016: Lincoln e Trump eletti Presidente

0

Almeno fino a oggi – e a meno di imprevedibili cambiamenti – l’8 novembre non verrà ricordato come uno dei giorni più importanti nella storia degli Stati Uniti. Ci sono tanti altri giorni da ricordare, da celebrare, per festeggiare una vittoria o per commemorare le vittime di una tragedia. L’8 novembre passerà in sordina, come un 2 febbraio o un 3 dicembre qualsiasi. Tuttavia, questo giorno ha un suo peso determinante che, seppur probabilmente solo simbolico, è bene sottolineare.

Le elezioni presidenziali statunitensi si svolgono solitamente in questo periodo. Pur con sostanziali differenze, riguardanti soprattutto questioni di suffragio elettorale, coloro che votano nei diversi Stati americani eleggono un collegio di grandi elettori che sceglieranno il nuovo Presidente statunitense, che resta in carica per quattro anni. E così fu anche nel 1864, quando, l’8 novembre, il candidato del Partito Repubblicano e Presidente uscente Abraham Lincoln, durante le fasi finali della Guerra di Secessione, riuscì a ottenere una schiacciante rielezione contro il democratico George McClellan, sconfitto in ogni Stato partecipante a quell’elezione, con l’eccezione di Kentucky, New Jersey e Delaware. Lincoln non riuscirà a portare a termine il suo secondo mandato: verrà ucciso il 15 aprile 1865, pochi giorni dopo la resa dei confederati. Ancora oggi, rimane uno dei Presidenti più popolari e amati della storia americana.

Lo stesso giorno di 152 anni dopo, un altro Presidente veniva eletto. La campagna elettorale che aveva portato al voto era stata particolarmente intensa e, per certi versi, bizzarra: il risultato sembrava già scritto e la vittoria di Hillary Clinton, democratica, era data per scontata. Eppure, quel giorno, come nel 1864, avrebbe festeggiato il candidato repubblicano. Con vivissima sorpresa di tutto il mondo, Donald Trump sarebbe diventato il nuovo inquilino della Casa Bianca. Il suo primo mandato deve ancora finire, ma si può affermare che Trump sia, senza dubbio, il Presidente più controverso della storia a stelle e strisce.

Lincoln e Trump: le due facce presidenziali della medaglia dell’8 novembre.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore