giovedì, Aprile 22

Accadde Oggi: Chapecoense, un tragico volo 28 novembre 2016: incidente aereo della squadra brasiliana

0

Il calcio, nella sua accezione più pura, è gioia, divertimento e passione, ma, come ogni aspetto della vita, non è immune da momenti di dolore.

In questi ultimi giorni anche nei telegiornali generalisti si è parlato di Copa Libertadores. Non è un’eventualità così comune: è rarissimo che in tv si parli di quello che è il massimo trofeo calcistico del continente sudamericano. Le ragioni sono note: la finale di ritorno del torneo è stata rinviata a data da destinarsi a seguito delle scene di vera e propria guerriglia che hanno avuto luogo al di fuori dello stadio, con assalto al pullman della squadra ospite e il ferimento di alcuni suoi giocatori. La Conmebol federazione calcistica sudamericana ha deciso di posticipare il match, in modo da far scemare la tensione che era salita a livelli considerati altissimi anche per una partita che si annunciava già essere come ad alto rischio.

Anche due anni fa gli organi di informazione si occuparono di calcio sudamericano, ma per ragioni ben più tristi. Risale al 28 novembre del 2016 il tragico incidente aereo che coinvolse la Chapecoense, squadra brasiliana diretta a Medellín in Colombia, per disputare la finale di Copa Sudamericana (il secondo trofeo più prestigioso dopo la Libertadores). Il volo LaMia2933 partì alle 18:18 dall’aeroporto di Viru Viru, presso Santa Cruz de la Sierra, in Bolivia, e scomparve dopo le ore 22, precipitando in prossimità di La Unión, in Colombia. Trasportava 72 passeggeri e 9 membri dell’equipaggio, ma si salvarono solo 6 persone in totale, di cui tre erano calciatori della squadra brasiliana.

La vicenda scosse il mondo del calcio. In segno di rispetto, il match non fu disputato e, su iniziativa della squadra avversaria, il trofeo venne assegnato d’ufficio alla Chapecoense. Da tutto il mondo piovvero attestati di solidarietà: in particolare il Torino, che nel 1948 subì lo stesso tragico destino a Superga, creò un sodalizio con la squadra brasiliana.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->