venerdì, ottobre 19

Accadde Oggi: cattura di un’icona 8 ottobre 1967: viene catturato Che Guevara

0

È difficile parlare di Ernesto Che Guevara prescindendo da tutto l’apparato iconografico, estetico, mitico e ideologico che lo circonda. Lo è perché, così come pochissimi altri nella storia del Novecento – il secolo che forse più di tutti i precedenti ha creato veri e propri culti della personalità, grazie anche all’enorme produzione iconografica garantita dai moderni mezzi di comunicazione – è riuscito a creare attorno a sé una narrazione così forte e affascinante che rende immane lo sforzo di trattarne la vicenda in maniera distaccata. A prescindere da come la si pensi, non si può avere un’opinione totalmente neutra, sul personaggio Che e sull’uomo Ernesto Guevara.

Medico, politico, guerrigliero rivoluzionario, Che Guevara nacque in Argentina, ma la sua patria era ovunque ci fosse un popolo da liberare. Anche se il suo nome è spesso associato alla sola rivoluzione cubana, portata a termine a fianco di Fidel Castro, per il cui Governo collaborò per qualche tempo in seguito alla sua instaurazione (iconico il suo discorso tenuto all’ONU per conto dell’Avana), le lotte di Che Guevara si estero in tutto il Sudamerica e anche nelle turbolente aree del Sud dell’Africa dove, nel pieno della decolonizzazione, si respiravano fremiti rivoluzionari.

La Bolivia fu la sua ultima meta. Il suo ingresso nello Stato andino segnò la sua fine. Credeva di dover affrontare solo l’esercito boliviano, con il suo Ejercito de Liberacion Boliviana, ma sulle sue tracce c’era anche la CIA e gli oppositori del governo locale, filosovietici e non filo cubani, non appoggiarono la sua lotta. Dopo lunghi tempi di inseguimenti, caratterizzati anche da successi del piccolo esercito del Che, Ernesto Guevara venne catturato. Era l’8 ottobre 1967. La sua condanna a morte era già scritta: sarebbe stato giustiziato il giorno successivo, a La Higuera. Le immagini della sua morte, per potenza e forza simbolica associati da molti alla figura di Cristo, fecero il giro del mondo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore