martedì, Settembre 21

Accadde Oggi: Burj Khalifa, il tetto del mondo 4 gennaio 2010: viene inaugurato il Burj Khalifa, il grattacielo più alto della Terra

0

Con le dovute e necessarie eccezioni, i Paesi della penisola arabica sono diventati, negli ultimi vent’anni, l’El Dorado dei ricchi, con gli alberghi più esclusivi, i ristoranti più lussuosi e gli edifici più avveniristici del mondo. Si hanno isole dove prima c’era il mare, piste da sci in mezzo al deserto, campi da tennis in cima ai grattacieli. Cercate qualcosa di folle? Molto probabilmente lo troverete in quelle aree.

La skyline di molte città arabe è cambiata considerevolmente nel giro di pochissimi anni e continuerà a mutare a ritmi altissimi. Il 4 gennaio 2010 la skyline di Dubai è cambiata per sempre con l’inaugurazione del Burj Khalifa, che, con i suoi 829,8 metri, è il grattacielo più alto del mondo, battendo di oltre duecento metri il precedente detentore del record.

Ne detiene tantissimi altri: oltre a essere il grattacielo più alto al mondo, è la struttura più alta mai costruita, l’edificio con più piani (163), quello con gli ascensori più alti, veloci al mondo (possono raggiungere i 64 chilometri orari) e con il percorso continuo più lungo al mondo. Possiede la piattaforma di osservazione esterna e la struttura in vetro e acciaio più alte al mondo.

Prendendo il nome dall’attuale emiro di Dubai, i lavori per il Burj Dubai (questo sarebbe dovuto essere il nome, secondo i progetti iniziali)  sono iniziati nel 2004; inizialmente, il grattacielo sarebbe dovuto essere alto ‘solo’ 560 metri, ma dopo sei anni di lavori, con diversi cambi di progetto, si è arrivati agli attuali 829,8. L’edificio, costato 1,5 miliardi di dollari, ospita al suo interno uffici, residenze private, un osservatorio e una piscina. È diventato il centro della vita mondana emiratina: il video ci mostra il grande spettacolo di luci preparato in occasione del Capodanno, con conto alla rovescia, fuochi pirotecnici e musica. Il nuovo anno è iniziato bene per gli abitanti di Dubai.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->