sabato, novembre 17

Accadde Oggi: Bomba Zar, progettando la distruzione 10 luglio 1961: inizia l’impostazione della Bomba Zar

0

Negli ultimi mesi il terrore nucleare del III millennio è venuto meno, per fortuna. Da quando Kim Jong-un ha teso una mano in direzione della Corea del Sud, il timore di veder scoppiare la prima guerra termonucleare – e, verosimilmente, l’ultimo conflitto dell’umanità – è rapidamente venuto meno, facendo fare agli abitanti della Terra un bel sospiro di sollievo.

Lo scoppio di una sola bomba atomica è, di per sé, un evento tanto potente quanto sconvolgente: basti pensare a quelle migliaia di persone che, a Hiroshima e Nagasaki, evaporarono letteralmente a contatto con l’esplosione delle note bombe atomiche che posero fine alla Seconda Guerra Mondiale. Si sta parlando di migliaia di esseri umani che scomparirono dalla faccia della Terra, non lasciando alcuna traccia del proprio passaggio su questo pianeta.

Un’esplosione nucleare ha effetti che sfuggono alla comprensione dell’Uomo. Si prenda ad esempio l’esplosione della più potente bomba a idrogeno mai fatta esplodere: il suo nome era Bomba Zar e, come si può intuire dal nome, fu di progettazione sovietica. La sua impostazione iniziò esattamente 57 anni fa, il 10 luglio del 1961. I fisici, capeggiati da Andrej Sacharov, lavorarono alacremente, per prepararsi all’esplosione della bomba, avvenuta il 30 ottobre dello stesso anno. Fatta detonare a 4000 metri di altezza sull’isola di Novaja Zemlja, oltre il circolo polare artico, ebbe effetti spaventosi: generò un fungo atomico di 64 chilometri, il lampo fu visto a mille chilometri di distanza, mentre il surriscaldamento venne percepito a 270 km. L’onda sismica generata percorse tre volte il giro del mondo, pur non avendo la bomba mai toccato terra. In alcune aree della Finlandia si ruppero le imposte delle abitazioni. Tutto quello che era compreso in un raggio di 35 km risultò totalmente distrutto.

La bomba liberò oltre 50 Megatoni di energia: 50 Megatoni di distruzione e morte.

https://www.youtube.com/watch?v=GY9Tw9O9xXk

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore