sabato, Ottobre 16

Accadde Oggi: Beslan, la morte a scuola 3 settembre 2004: si conclude l’attentato a Beslan

0

Il 3 settembre del 2004, dopo due giorni e a seguito di un sanguinosissimo blitz, si concluse l’attentato di Beslan, in Ossezia del Nord, causando la morte di 334 di oltre 1200 ostaggi. La metà delle vittime furono bambini: infatti, i terroristi avevano colpito un istituto scolastico, nel giorno della sua riapertura dopo le vacanze, ossia nel momento in cui la scuola era più frequentata. Oltre ai bambini e agli insegnanti, infatti, erano presenti anche i genitori e i parenti dei piccoli, per partecipare alla tradizionale festa di benvenuto.

I 32 attentatori, terroristi islamici e nazionalisti ceceni, avevano scelto con precisione il giorno e il luogo: chiedevano il ritiro totale delle truppe russe dal territorio della Cecenia e avevano bisogno di un gesto eclatante per richiamare l’attenzione del mondo alle proprie rivendicazioni. Ma di eclatante ci fu soprattutto la violenza usata sugli ostaggi: esecuzioni sommarie; bambini costretti a pulire il sangue degli ostaggi morti; divieto di bere, mangiare e medicarsi, nonostante il caldo atroce di quei giorni; minacce di morte rivolte a tutti; vere e proprie torture psicologiche. Alcuni ostaggi riportarono anche notizie riguardanti abusi sessuali subiti. E non si guardava davvero in faccia a nessuno: anche quanti fra gli attentatori avessero avuto da ridire, rispetto al leader, avrebbero subito punizioni esemplari.

Dei 32 terroristi sopravvisse solo uno: gli altri morirono durante le sparatorie, o furono vittime di esplosioni da loro stessi provocati, quando non furono oggetto di linciaggio da parte degli ostaggi. Nurpasa Kulaev – questo il nome del terrorista – sconta dal 2005 una pena all’ergastolo.

L’attentato aprì molti dibattiti: si contestò il ruolo della polizia, che non era riuscita a scongiurare l’attentato, le responsabilità del Governo per la gestione della crisi. Ma quello che ancora oggi provoca dolore è la strage di 334 innocenti, morti in maniera assurda, durante il primo giorno di scuola.

https://youtu.be/csr9TPGPoxs

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->