domenica, Giugno 20

Accadde Oggi: Barnard, il cuore del progresso 3 dicembre 1967: primo trapianto di cuore effettuato con successo

0

Pur nella consapevolezza degli sviluppi scientifici e tecnologici che sono occorsi in ambito medico-sanitario nel XX secolo, alle volte si tende a non attribuire il giusto peso al reale impatto e all’effettiva portata che questi progressi hanno avuto sulla vita di tutti i giorni. Se a inizio Novecento gli scienziati e i fisiologi stavano lentamente ponendo le basi verso quella che è la medicina moderna, potendo anche beneficiare delle ricadute positive che una tragedia come la Grande Guerra aveva avuto sul campo della ricerca scientifica, il progresso tecnologico ha permesso oggi procedure mediche impensabili rispetto a inizio secolo: nuovi strumenti, nuove conoscenze e nuovi approcci hanno consentito veri e propri miracoli. Le varie pietre miliari poste lungo la strada dello sviluppo sono però dovute anche a persone che, prima di tutti, hanno avuto il coraggio di andare dove mai nessuno aveva mai osato. Non è mai stata un’avanzata lineare e senza intoppi, ma senza di loro, probabilmente, la medicina moderna non sarebbe così avanzata. Uno di questi è il cardiochirurgo sudafricano Christiaan Barnard.

Egli è passato alla storia per essere stato il primo a effettuare con successo un trapianto di cuore. Presso l’ospedale per il quale Barnard lavorava – il Groote Schuur di Città del Capo – era ricoverato Louis Washkansky, 54enne affetto da una grave malattia cardiaca. Il 3 dicembre del 1967, Barnard decise di procedere: dopo un intervento durato alcune ore, il paziente aveva un nuovo cuore, che batteva naturalmente, senza stimoli elettrici esterni. La notizia fece il giro del mondo e il medico sudafricano divenne una celebrità.

Washkansky morì solo 18 giorni dopo l’intervento, a causa di una polmonite: l’équipe medica aveva optato per una forte dose di immunosoppressori, a causa del timore di un rigetto. La polmonite ebbe così modo di svilupparsi. Ad ogni modo, un ulteriore grande passo in avanti era stato compiuto.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->