giovedì, Maggio 13

Accadde Oggi: Australia, nasce la nuova capitale 12 marzo 1913: viene fondata Canberra

0

Ci sono città che diventano capitali per la loro grande storia passata, come Roma. Ce ne sono altre, come Parigi, che acquisiscono un’importanza enorme proprio perché capitali di uno Stato diventato potentissimo. Altre ancora diventano capitali per la loro posizione geografica: quanti sanno che la prima capitale spagnola non fu Madrid, ma Valladolid?

E poi ci sono quelle che vengono costruite ex novo appositamente per ricoprire il ruolo di capitale di uno Stato. Fra queste c’è Canberra, capitale dell’Australia. È una città pianificata appositamente per questo scopo e una delle ragioni per cui è stata costruita fu quella di mettere fine alla disputa su quale fra Melbourne e Sydney dovesse diventare capitale. Il più classico caso del detto ‘tra i due litiganti, il terzo gode’.

È sede del Parlamento federale ed abitata da oltre 300 mila persone: non avendo sbocco sul mare, è la città più popolosa dell’entroterra australiano. Sorta su un insediamento umano preesistente, essa prende il nome dalla parola ‘Canberry’, come si chiamava una fattoria inglese sorta nei pressi, e dal termine aborigeno ‘Kambara’, luogo di incontro.

Venne scelta come capitale nel 1908 e, una volta approvato il progetto, si procedette alla costruzione del primo nucleo, con l’inaugurazione ufficiale avvenuta il 12 marzo 1913. Lo sviluppo urbano e quello demografico procedettero lentamente, ma, a partire dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, la città iniziò a ottenere la fisionomia odierna. Merito anche della presenza della sede del Governo federale, che dà lavoro alla maggior parte degli abitanti. Inoltre, come molte altre capitali del mondo, non appartiene a nessuno degli Stati della federazione australiana, ma ha amministra un territorio autonomo a sé stante, il Territorio della Capitale Australiana, un tempo parte del Nuovo Galles del Sud.

In questo brevissimo filmato d’epoca possiamo vedere le immagini di quella che fu l’inaugurazione ufficiale della neonata città, giovane come la storia dello Stato federale che sarebbe andata a guidare.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->