domenica, Aprile 18

Accadde Oggi: attentato allo sciismo 29 agosto 2003: strage di sciiti a Najaf

0

Lontano dall’essere un blocco unico e compatto, il mondo islamico è in realtà formato da una molteplicità di sfaccettature, come un mosaico composto da piccole e diverse tessere di colore, forme e dimensioni variabili. La più grande divisione è quella che distingue i sunniti – la grande maggioranza dei musulmani – dagli sciiti. Accanto a questi, però, esistono altre confessioni, come il kharigismo, senza dimenticare le varie divisioni interne al mondo del sunnismo e dello sciismo.

L’islam sunnita è maggioranza in tutti gli Stati musulmani del mondo, con l’eccezione dell’Oman, a maggioranza kharigita-ibadita, e dell’Iran, unico Stato a maggioranza sciita. Tuttavia, nonostante che lo sciismo sia maggioranza solo nell’ex Persia, i luoghi sacri dello sciismo si trovano in vari luoghi del Medio Oriente e, curiosamente, la città sacra per eccellenza del mondo sciita non si trova in Iran, ma a Najaf, nel vicino Iraq, sunnita. E, nel corso degli anni, questo ha causato più di un problema.

Il 29 agosto del 2003, infatti, era un venerdì, giorno santo per il mondo musulmano. Nella Moschea dell’Imam Ali, si stava celebrando la funzione, quando, d’improvviso, due autobombe esplosero, provocando oltre 90 vittime e più di 500 feriti. Fu l’attentato più sanguinoso di quell’anno (e quello fu un periodo particolarmente violento, da quelle parti). Una delle vittime era particolarmente illustre: l’ayatollah Mohammed Bakir al-Hakim, uno dei massimi rappresentanti dello sciismo e leader spirituale del Consiglio Supremo della Rivoluzione Islamica in Iraq, un partito di ispirazione sciita. Le strade dell’Iraq si riempirono di fedeli sciiti che manifestarono contro il regime di Saddam.

Non fu trovato il colpevole di questo attentato. Saddam Hussein fu accusato di aver orchestrato l’attentato, ma il rais negò ogni responsabilità. Nemmeno al Qaeda, sospettata di aver compiuto la strage, rivendicò l’assassinio di quasi cento fedeli sciiti, che persero la vita quel 29 agosto di 15 anni fa.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->