giovedì, Dicembre 2

Accadde Oggi: da Repubblica a Impero e ritorno 4 dicembre 1977: la Repubblica Centrafricana diventa Impero Centrafricano

0

Quando sentiamo la parola ‘Impero’ subito pensiamo ai grandi imperi della Storia: quello Romano, quello Bizantino, quello Napoleonico, quello Asburgico, per citare solo i primi che vengono alla mente. Costruzioni statali immense, che andavano a governare su popolazioni molto diverse fra loro unite solamente dalla figura dell’Imperatore. Molti di questi sono durati secoli, altri, come quello di Napoleone Bonaparte, sono durati pochi anni, ma hanno avuto un impatto decisivo nei destini dell’umanità.

E poi ci sono altri imperi, meno fortunati e spesso dimenticati. È il caso dell’Impero Centrafricano, fondato il 4 dicembre 1977. Jean Bedel Bokassa era il Presidente a vita della Repubblica Centrafricana e, con lo scopo dichiarato di conferire maggior prestigio al proprio Stato, sciolse il Parlamento, sostituendolo con un Consiglio Rivoluzionario, si nominò imperatore con il nome di Bokassa I. La cerimonia d’incoronazione, che l’autoproclamato imperatore voleva officiata dal Papa (che declinò), fu ispirata a quella di Napoleone I e fu molto fastosa: costò 20 milioni di dollari e furono invitati molti capi di Stato, che però non risposero alla chiamata.

Tuttavia, il progetto politico di  Bokassa I era destinato a fallire sin dalla nascita: la cerimonia d’incoronazione fu talmente costosa che portò il giovanissimo Impero allo stremo e, pertanto, Bokassa I non riuscì nel suo intento di portare l’Impero Centrafricano a diventare una guida per gli altri Stati africani. Nel settembre del 1979, quindi, dopo neanche due anni di vita, l’Impero Centrafricano concluse ufficialmente la sua esistenza e Bokassa I, con la regia della Francia, fu destituito. Venne restaurata la Repubblica e David Dacko divenne Presidente.

Nel video possiamo vedere alcune immagini di quella solenne incoronazione, tratto da un documentario di Werner Herzog, ‘Echi da un Regno Oscuro’, del 1990, che parla delle vicende di Bokassa I, mostrando immagini della sua incoronazione e interviste alle persone a lui vicine.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->