domenica, Aprile 18

Accadde Oggi: Gheddafi premier ad interim 15 gennaio 1970: il leader libico Muhammar Gheddafi si nomina Primo Ministro

0

Tutti ricordiamo le ultime immagini dell’ex leader libico Muhammar Gheddafi, in fin di vita, nelle grinfie poco ben intenzionate dei ribelli al suo regime, il volto tumefatto e lo sguardo rassegnato di chi ha capito che la propria fine è molto, molto vicina. Era il 20 ottobre del 2011 e, con la sua morte, finiva la guerra civile e il suo lungo regime, dopo più di quaranta anni di governo.

Tutto iniziò, infatti, nel settembre del 1969, quando guidò la rivoluzione che mise fine alla monarchia di Idris I. Si autonominò colonnello, mise fuori gioco gli altri partiti e attuò una politica improntata al nazionalismo arabo, tanto che, nei primi anni di governo, tentò la costituzione di uno Stato arabo unito nel Nord Africa, ricevendo una risposta negativa dalla vicina Tunisia.

Il 15 gennaio 1970, Muhammar Gheddafi si autonominò Primo Ministro ad interim della Repubblica Araba di Libia o, come verrà rinominata dal 1977, Gran Giamahiria Araba Libica Popolare Socialista (nome che mantenne fino alla fine del regime di Gheddafi). Gheddafi mantenne la carica di Premier ad interim fino al luglio del 1972, quando cedette il posto ad Abd al-Salam Jallud, per decenni braccio destro del leader della rivoluzione libica.

I quarant’anni di governo sono stati carichi di avvenimenti, molti dei quali ancora oggi oscuri, da chiarire. Uno di questi riguarda la strage di Ustica, che, secondo un’ipotesi molto accreditata, fu dovuta a un errore: l’aereo che fu abbattuto (un volo di linea dell’Itavia, diretto a Palermo da Bologna), fu scambiato per il velivolo in cui sarebbe dovuto essere presente il leader nordafricano (nell’attentato persero la vita 81 persone innocenti). Nel video, alcune immagini rare del periodo in cui il leader libico ricopriva la carica di Primo Ministro, in un incontro diplomatico con l’Egitto, ai tempi del Governo di Muhammad Sadat.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->