lunedì, Novembre 29

Abbigliamento promozionale: sempre più richiesti i cappellini personalizzati Caratterizzati da una grande versatilità d'uso così come da un alto grado di customizzazione, consentono all’azienda di fare self promotion con un ottimo rapporto qualità prezzo

0

La necessità di promuovere la propria azienda o i propri servizi ha assunto negli ultimi anni sempre più importanza, tanto da far diventare questo campo del marketing praticamente indispensabile.

Una delle strategie più efficaci per farlo prevede la distribuzione di abbigliamento, accessori o oggetti personalizzati, in grado di attirare l’attenzione del cliente finale e di raccontare qualcosa di più di chi li distribuisce.

Non c’è da stupirsi, quindi, che secondo uno studio condotto dalla PPAI (ovvero la Promotional Products Association International), quasi 8 consumatori su 10 dichiarino di apprezzare quando ricevono in regalo un gadget personalizzato, tanto che la quasi totalità di loro (circa il 96%) aggiunge di essere interessato a sapere se essi sono disponibili.

I vantaggi dell’usare questa tecnica di marketing sono numerosi ma è in particolare il rapporto emozionale che si stabilisce tra mittente e destinatario del regalo ad emergere: l’82% dei partecipanti al sondaggio ha infatti affermato di avere una percezione migliore dell’azienda che li omaggia di un presente rispetto a una che non lo fa.

Tra gli articoli più utilizzati per impostare la propria strategia di self promotion spiccano sicuramente i cappellini personalizzati, scelti da moltissime realtà in quanto sono caratterizzati da una grande versatilità d’uso così come da un ottimo rapporto qualità prezzo, soprattutto sul web.

In rete, infatti, al giorno d’oggi è possibile trovare un ampio numero di portali specializzati nei servizi di stampa online, come per esempio Fullgadgets.com, dov’è possibile trovare un ampio numero di proposte a prezzi più convenienti rispetto a quelli dei negozi fisici.

Perché scegliere i cappellini personalizzati

All’interno del panorama dell’abbigliamento personalizzato, i cappellini occupano un posto di primo piano. Si tratta, infatti, di un gadget amatissimo che consente all’azienda un alto grado di customizzazione.

Questo accessorio può ospitare il logo aziendale, diventando così un ottimo modo per far circolare la propria immagine a costo ridotto, oppure può essere scelto nei colori che richiamano la brand identity o, ancora, impreziosito con un ricamo personalizzato.

A fronte di un investimento contenuto è possibile ottenere un ottimo riscontro in termini pubblicitari, perché i cappellini possono essere utilizzati dagli utenti anche fuori dal contesto nel quale sono stati donati. Si tratta di un gadget sempre gradito che incontra il favore della maggioranza delle persone anche perché, oltre all’aspetto estetico, è un oggetto utile. Inoltre, si può scegliere fra moltissimi modelli diversi, alcuni sportivi, altri più ricercati.

Quale cappellino personalizzato scegliere

Per i contesti più informali la scelta più indicata rimane sempre il classico cappellino con frontino in stile baseball.

Questo particolare modello può essere customizzato per quanto riguarda il colore o per l’apposizione del logo aziendale (che può essere stampato sia sul frontino che in altre zone del cappello), mentre molto amato, soprattutto dalla fascia d’età più giovane, è il cappello chiamato ‘snapback’.

Il cappellino in stile army e il modello a coppola, invece, sono in genere apprezzati da un’utenza prevalentemente maschile. Per attività informalicome, ad esempio, quelle nell’ambito della ristorazione – trovano larga diffusione le visiere: sportive ma allo stesso tempo decisamente utili, sono un accessorio sempre molto apprezzato.

I cappellino rappresenta insomma un ottimo investimento per tutti coloro che desiderano aumentare la propria visibilità e fidelizzare i clienti. Regalare questa tipologia di articolo crea un legame tra donatore e destinatario, contribuendo ad aumentare la cosiddetta loyalty al brand.

Numerosi studi di marketing hanno infatti dimostrato come l’elargizione di gadget personalizzati riesca a fidelizzare in modo importante le persone, le quali si dimostrano grate per l’accessorio ricevuto e sono più disponibili ad instaurare una relazione professionale o a effettuare un acquisto con il mittente del regalo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->