sabato, Maggio 8

A tutto té a…Kericho Le piantagioni sono anche utilizzate da famosi marchi internazionali di tè

0

Quando si raggiunge Kericho, sede di una delle più grandi piantagioni di tè in Kenya, si ha l’impressione che sia adatta, grazie a condizioni meteo perfette, per un tè da fornire al resto del mondo.

A Kericho, in Kenya, esiste una rigogliosa foresta locale che si estende attorno al fiume Kipletan. In quanto le società, contribuiscono alla protezione di questo habitat naturale e della sua biodiversità, piantando diversi alberi e piante.

Ecco perché i cercopitechi verdi e i colobi, in via d’estinzione, hanno fatto di questa foresta la loro casa, in cui si muovono liberamente. Allo stesso modo a Coonor, nel sud dell’India, non è raro vedere bisonti selvatici masticare erbacce tra le piante di tè.

Per le coltivazioni di tè si ricorre al ciclo naturale delle piogge, evitando quindi l’irrigazione. A causa della loro prossimità al Lago Vittoria, le piantagioni a Kericho, in Kenya, traggono beneficio dalla formazione naturale delle nuvole causata dall’evaporazione delle acque del lago. Queste nuvole forniscono tutta l’acqua di cui le piantagioni di tè hanno bisogno.

Per mantenere altissimi livelli di sicurezza sul lavoro, si gestisce un programma di formazione continua per tutti i dipendenti. Questi programmi mirano a ridurre o prevenire gli incidenti o le malattie professionali sul luogo di lavoro. Per un insediamento certificato più sostenibile è essenziale interagire positivamente con le comunità circostanti. Oltre ad assicurare buone condizioni lavorative la piantagione contribuisce anche ai costi delle strade pubbliche all’interno della piantagione. Vengono donati gli alberi locali affinché siano piantati nelle comunità circostanti, le istituzioni locali e le scuole. Una cifra stimata di circa 0.35$ per ogni kg di tè prodotto nelle piantagioni del Nilgiris viene destinato a programmi sociali diretti ai lavoratori e alle loro famiglie.

Le industrie di tè impegnano a trattare i loro dipendenti in modo corretto e a migliorare la qualità della loro vita. Si  gestiscono programmi comunitari che includono alloggio gratuito e assistenza medica per tutti i dipendenti e le loro famiglie, asili nido e istruzione scolastica per ogni bambino residente nelle proprietà.

(tratto dal canale ‘Youtube’ della ‘BBC‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->