venerdì, Luglio 30

A Predappio il controverso museo del fascismo

0

L’edificio che un tempo ospitava la sede regionale del partito fascista di Mussolini nel paese di Predappio (Forlì) sarà rinnovato come un museo, dopo una controversa battaglia portata avanti dal sindaco locale del PD, Giorgio Frassinetti. Il museo del fascismo dovrebbe aprire i battenti nel 2019, con un costo complessivo di 5 milioni, di cui 4,5 proverrebbero da fondi pubblici. Infatti, il sindaco conta di ricevere 1,8 milioni da un bando regionale, mentre altri 500 mila euro saranno stanziati dalla Fondazione Cassa di risparmio di Forlì. Per quanto riguarda i due milioni mancanti, invece, il primo cittadino confida nell’interesse del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Luca Lotti. «Ora aspettiamo i tecnici di Palazzo Chigi» ha commentato Frassinetti «per un sopralluogo nel Palazzo del Fascio che andrebbe ristrutturato per renderlo appunto un centro studi sul ventennio»

Il sindaco della città natale di Mussolini intende realizzare il museo del Ventennio nella vecchia Casa del fascio: un palazzone da 2400 metri quadrati calpestabili costruito negli anni Trenta e abbandonato appena vent’anni dopo. E qui nasce la controversia in cui gli storici si dividono: chi teme una celebrazione del fascismo e chi desidera invece un’Italia che riesce finalmente a fare i conti con il proprio passato.

 

 

(video tratto dal canale YouTube di AFP News Agency)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->