mercoledì, Aprile 21

A Mosca la quinta Conferenza Internazionale sulla Sicurezza

0

La quinta Conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale ha aperto nella capitale russa ieri. Le discussioni proseguiranno fino ad oggi. Il forum annuale è tenuto dal Ministero della Difesa della Federazione Russa. Sono presenti 500 rappresentanti dei ministeri della difesa, funzionari, esperti e scienziati provenienti da 80 Paesi. Fra i presenti anche rappresentanti delle Nazioni Unite, della Lega Araba, del Comitato internazionale della Croce rossa, della Comunità degli Stati indipendenti (Csi) e del Trattato di sicurezza collettiva (Csto).

Il presidente russo Vladimir Putin ha inviato un saluto di benvenuto ai partecipanti della conferenza Mercoledì scorso. I principali temi all’ordine del giorno sono: la lotta antiterrorismo, la sicurezza nella regione Asia-Pacifica, la sicurezza dell’Asia centrale, la situazione in Europa e le sfide globali alla sicurezza e cooperazione militare. Vi sarà però una grande attenzione alla lotta globale contro il terrorismo. Infatti, l’obiettivo di Putin è la creazione di un vasto fronte anti-terrorismo internazionale per combattere la minaccia terroristica.

«Il tema principale della manifestazione è la lotta contro il terrorismo internazionale, che ha sfidato la civiltà umana. Ciò richiede azioni coordinate della comunità internazionale», ha detto il Presidente del Cremlino nel suo discorso alla conferenza, «Per risolvere questo problema abbiamo bisogno di creare un fronte comune internazionale sotto gli auspici dell’Organizzazione delle Nazioni Unite».

 

 

(video tratto dal canale YouTube di CCTV)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->