martedì, Aprile 20

A marzia’ Marino, facce piagne

0

Ci vorrebbe Ennio Flaiano per raccontare la storia del ‘marziano genovese’ che dopo aver conquistato Roma finì a farla piangere.

A marzià, facce ride” dicevano i suoi romani a quell’uomo verde che tanto scalpore aveva sino a poco prima causato, ridotto poi a comparsa, se non a macchietta. “A Marì, c’hai fatto piagne” sembravano dire già da tempo i romani odierni a quel Sindaco chirurgo che doveva rivoluzionare tutto, ed è riuscito a tutto pasticciare, sperando che in camera operatoria si occupasse di fegato un po’ meglio di come si è occupato di coda alla vaccinara.

Ignazio Marino ha dilapidato un patrimonio di aspettative. E pure partendo con il vantaggio di venire dopo Gianni Alemanno, che anche Franco Fiorito, ‘er Batman della Regione Lazio, avrebbe, al confronto, fatto la sua porca figura di statista ed onestuomo. Invece è riuscito a disperdere quei consensi con i quali si era presentato, attirando su di sé il più straordinario malcontento che si sia visto nella Capitale, lui che pure di Mafia Capitale era invece stato di fatto il contraltare e la diga che aveva quantomeno rallentato l’espansione del dinamico duo fasciocomunista Carminati-Buzzi nel loro assalto a tutto quanto di ‘commestibile’ passasse nei loro paraggi.

Da Onestopoli a gestire la ’capitale della Mafia’. Coraggioso. Ma arroganza, presunzione, imperizia possono essere state la sua cifra negativa. Solo una delle cifre, però, ché il Partito Democratico deve comunque ringraziare Sant’Ignazio se non ci ha lasciato le penne nei mille intrecci malavitosi di cui il partito e la sua classe dirigente locale e non (si fa comunque per dire) era compartecipe, o almeno sfiorato e coinvolto. E ben difficilmente qualcun altro, ‘interno’, sarebbe stato in grado di sottrarsi.

I candidati alla successione, quando sarà, per l’intanto si aggiungono di ora in ora, e sono ormai legioni. Ci si sta seriamente pensando anche a casa Casamonica (tanto, dopo i Tredicine…). E in tanti, in questo ha ragione Marino, son lì con l’acquolina in bocca. Pronti a ricominciare.

Dunque, ricapitolando questi giorni di Ottobre 2015

da Lunedì 5 a Venerdì 9

Lunedì 5

Martedì 6

Mercoledì 7

Giovedì 8

Ignazio Marino, sindaco di Roma, ‘mollato’ anche dal suo quasipartito, il PD, rassegna le dimissioni. Annunciando-ricordando che comunque nei successivi venti giorni può sempre ritirarle

Venerdì 9

Continua l’hellzapoppin’…

E poi

Sabato 10 e Domenica 11

Continua anche l’impegno di Marino. C’è chi gioisce e chi (molti) no.

E la prossima settimana

da Lunedì 12 a Domenica 18

E mica finisce…

E così eccoci in pieno Ottobre, e nell’ultimo ultimo trimestre del 2015. Che non tornerà mai più. Purtroppo o per fortuna. Dai, purtroppo.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->