domenica, Agosto 14

A maggio aumenta ancora la spesa nei casinò online I casinò online diventano sempre più popolari nel corso degli ultimi mesi, grazie anche a nuovi titoli sempre più accattivanti e coinvolgenti che portano il pubblico a restare su queste piattaforme

0

Anche nel mese di maggio, le spese da parte dei giocatori nei casinò online hanno continuato a crescere, rispecchiando la tendenza positiva già intravista al termine di aprile. Per l’esattezza, lo scorso mese sono stati spesi quasi 162 milioni di euro all’interno dei vari casinò online sul mercato.

L’aumento rispetto ad aprile – che aveva visto la cifra finale attestarsi su quasi 159 milioni di euroè lieve ma comunque importante e costante, dato che anche tra marzo e il mese successivo l’incremento è stato, anche in quel caso, di circa tre milioni di euro.

I casinò online diventano dunque sempre più popolari nel corso degli ultimi mesi, grazie anche a nuovi titoli sempre più accattivanti e coinvolgenti che portano il pubblico a restare su queste piattaforme, ma anche a introdurre nuove persone in questo mondo.

I dati proposti dall’AgiMeg – l’Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco – riportano Lottomatica al primo posto in questa speciale classifica legata alle quote di mercato dei casino online, con quasi il 13 per cento, che equivale a un utile di circa 21 milioni di euro. In termini percentuali, la fetta posseduta dal primo operatore è rimasta invariata rispetto ad aprile, ma gli utili sono aumentati di circa 500 mila euro.

Al secondo posto troviamo Pokerstars che in quanto a utili si è mantenuta stabile negli ultimi due mesi – confermando i quasi 14 milioni di aprile –, ma come quota di mercato ha invece perso poco meno dello 0,2 per cento, attestandosi a 8,62. Nonostante ciò, resta comunque nella stessa posizione del mese precedente.

Sul terzo gradino del podio rimane Sisal che insegue Pokerstars a breve distanza con una quota di mercato pari a 8,45 punti percentuali – pressoché stabile rispetto al mese precedente – e circa 13,7 milioni di euro di utile, che sono più o meno 300 mila euro in più nel confronto con aprile.

Sisal dovrà tenersi ben in guardia se non vorrà perdere la propria terza posizione al termine di giugno. Questo perché Snai ha fatto un importante passo in avanti negli ultimi 31 giorni, aumentando la sua quota di mercato al 8,40 per cento: quasi la stessa del concorrente che lo precede. Il miglioramento in termini di utili è stato di mezzo milione di euro, passando dunque dai 13,1 di aprile ai 13,6 di maggio.

Gli ottimi introiti di Snai e questa crescita importante avuta nelle ultime settimane, possono ricollegarsi al fatto che l’operatore è uno dei pochi casinò con bonus senza deposito attualmente disponibili sul mercato. Una strategia che ha dato i suoi frutti e che potrebbe portare il sito a crescere ancora di più nei prossimi mesi.

In quinta posizione, con una quota di mercato inferiore all’8 per cento c’è invece 888 con quasi 12,7 milioni di euro di utile lordo. Sotto i 10 milioni, ma comunque con una fetta di pubblico superiore al 5 per cento si trovano anche PlanetWin365 (6,13 per cento con 9,9 milioni di utile) ed Eurobet (6,10 per cento e 9,8 milioni di utile).

Per quanto riguarda queste ultime tre, il progresso in appena quattro settimane è stato notevole dato che la propria popolarità nella vasta gamma dei casinò online era nettamente inferiore. 888 ha addirittura guadagnato l’1 per cento da aprile, mentre le altre due hanno progredito di circa lo 0,3 per cento.

Nel mese di maggio, quindi, i primi due casinò online per incassi (Lottomatica e Pokerstars) si sono spartite oltre un quinto della fetta di mercato, mentre considerando tutti i portali che hanno una quota superiore al 5 per cento – quindi appena sette degli oltre quaranta presi in esame – accolgono quasi 2 persone su 3 di tutto il panorama dei giocatori.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->