mercoledì, Settembre 22

9 Maggio 78': Moro e 'l'alba dei funerali di uno Stato'

0

Era la notte buia dello Stato italiano quella del 9 Maggio 78′. La notte di via Caetani, il corpo di Aldo Moro, l’alba dei funerali di uno Stato” cantano così i Modena City Remblers nella loro ‘Cento passi‘ canzone dedicata alla memoria dell’attivista politico Peppino Impastato ucciso dalla mafia proprio nello stesso giorno in cui il Presidente della Democrazia Cristiana (DC) Aldo Moro veniva ritrovato nel bagagliaio di una Renault 4 rossa in Via Caetani, una traversa di via delle Botteghe Oscure, destinata a diventare l’epilogo di quella che sarà una delle vicende più buie della storia contemporanea italiana. Nato a Maglie, nel Salento, il 23 Settembre del 1916 Aldo Romeo Moro fu tra i politici fondatori della Democrazia Cristiana di cui divenne segretario nel 1959. Grazie al suo costante ed ammirevole impegno nel mondo politico italiano divenne prima Ministro di Grazia e Giustizia nel 1955 con il governo Segni, Ministro della Pubblica istruzione nel 1957 e Ministro degli Affari Esteri nel 1969. Guidò la Presidenza del Consiglio dal 1963 al 1968 e dal 1974 al 1976 fu fautore dell’avvicinamento della DC verso il Partito comunista italiano. L’attenzione nei confronti di quest’ultimo fu la cosiddetta ‘causa’ del suo rapimento avvenuto in via Fani il 16 marzo 1978 ad opera del movimento terroristico noto come le ‘Brigate Rosse‘ attivo in Italia dal 1970 al 1988. Nei 55 giorni di prigionia nel covo di Montalcini l’Onorevole Moro scrisse numerose lettere indirizzate a Benigno Zaccagnini, a Francesco Cossiga, a Giulio Andreotti, a Riccardo Misasi ed al Capo del Partito Socialista Bettino Craxi, che si espose in prima persona più volte per chiedere di trattare con la cellula terroristica al fine di salvare la vita del Presidente.

Oggi al cimitero di Torrita Tiberina, luogo in cui è stato sepolto Moro e dove amava ritirarsi durante le vacanze, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha deposto una corona d’alloro sulla lapide dello statista in memoria del 38° anniversario della sua morte.

(Fonte video tratta da canale YouTube ‘Presidenza della Repubblica Italiana e Quirinale‘)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->