giovedì, Ottobre 21

8 italiani su 10 trovano lavoro grazie a conoscenti Solo il 25,9% dei disoccupati si reca nei centri pubblici per l'impiego

0

Dei disoccupati, solo un italiano su 4 cerca lavoro utilizzando i canali istituzionali. Sono invece le amicizie e le conoscenze il canale principale per cercare lavoro. Infatti, solo il 25,9% dei disoccupati (a fronte del 46,7% in Europa) si reca nei centri pubblici per l’impiego ed è tra le percentuali più basse d’Europa. Peggio dell’Italia fa solo la Turchia con il 20,4%.

Idea diametralmente opposta si ha invece in Germania, dove le percentuali si invertono: il 75,8% dei disoccupati si rivolge ai canali istituzionali, mentre solo il 39,6% chiede aiuto a conoscenti. Secondo una ricerca pubblicata dalla Uil, i lavoratori che hanno trovato un’occupazione tramite i centri per l’impiego sono circa il 3,1% di quelli che hanno trovato lavoro a fronte del 10,5% in Germania. Secondo il sindacato la responsabilità si trova nella scarsità di risorse dato che nei nostri centri per l’impiego pubblici lavorano meno di 9.000 persone contro le 115.000 impegnate nei centri tedeschi.

Secondo gli ultimi dati Eurostat riferiti al terzo trimestre 2015, l’84,3% di coloro che cercano lavoro si rivolge alla propria cerchia di conoscenze e amicizie o al sindacato, un dato in crescita rispetto al periodo pre-crisi (74% nel terzo trimestre 2007). Inoltre, cosa ancora più allarmante, resta scarsa la fiducia nella possibilità che i centri per l’impiego pubblico possano far incontrare domanda e offerta di lavoro.

 

(video tratto dal canale YouTube di News Tv2000)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->