mercoledì, Luglio 28

60 anni dallo Sputnik e l’era delle esplorazioni spaziali Era una sfera di 58,5 centimetri di diametro e aveva un peso di 83,6 chili, all'interno ospitava un radiotrasmettitore che inviava ciclicamente impulsi radio

0

Il 4 ottobre di 60 anni si aprì l’era delle esplorazioni spaziali. Il tutto grazie al lancio da una base missilistica sovietica in Kazakistan, dello Sputnik 1, il primo oggetto costruito dall’uomo a raggiungere l’orbita terrestre e a girare intorno al nostro pianeta.

Un evento storico, che porto l’URSS ad essere in testa nella corsa allo spazio. L’idea di sviluppare un satellite artificiale era stata valutata dall’Unione Sovietica a partire dal 1954, su proposta di Sergei Korolev, uno dei principali progettisti del programma missilistico sovietico, per proseguire lo studio e lo sviluppo dei missili intercontinentali di difesa e attacco nei confronti degli Stati Uniti, nell’ambito della Guerra Fredda.

Il progetto dello Sputnik andò ancora più avanti quando il presidente statunitense, Dwight D. Eisenhower, annunciò nel 1955 che gli Stati Uniti avrebbero presto inviato in orbita un loro satellite. Il politburo del Partito Comunista accelerò allora il tutto, decidendo però di non inviare in orbita qualcosa di sofisticato ma un semplice satellite che avesse la capacità di orbitare per qualche settimana e di trasmettere periodicamente un segnale radio verso la Terra.

Lo Sputnik era una sfera di 58,5 centimetri di diametro e aveva un peso di 83,6 chili, all’interno ospitava un radiotrasmettitore che inviava ciclicamente impulsi radio sulle frequenze 20.005 e 40.002 MHz. Le onde radio erano propagate attraverso due paia di antenne, collocate in modo che il segnale fosse inviato in tutte le direzioni, a prescindere dalla rotazione su se stesso del satellite.

Nei giorni e nelle settimane seguenti, radioamatori da tutto il mondo captarono il suo segnale, altri riuscirono a osservarlo mentre passava in cielo a 29mila chilometri orari sulle loro teste. 12 anni dopo però qualcosa di ancor più eclatante avvenne, ossia lo sbarco sulla Luna.

(video tratto dal canale Youtube del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->