venerdì, Maggio 7

27 Novembre: Sera field_506ffbaa4a8d4

0

 

saluto romano

27 Novembre 1925: il governo fascista istituisce il ‘saluto romano’ nelle pubbliche amministrazioni. Così chiamato perché ritenuto derivante da una tradizione dell’antica Roma, prevedeva  il braccio destro alzato con la palma della mano rivolta verso il basso e le dita unite. In epoca romana, i significati che questo gesto poteva adottare erano diversi: da gesto inteso come buon augurio a gesto offensivo, come nella gestualità tipica dei Gladiatori.  In epoca contemporanea venne usato per la prima volta da Gabriele D’Annunzio e dai suoi ‘fiumani’, ma questo saluto  consisteva nel presentare non una mano vuota, ma un pugnale sguainato. Fu così che l’allora segretario del PNF (Partito Nazionale fascista), Achille Starace, prese ad esempio il gesto dannunziano, riproponendolo però nella sua antica forma romana. Promosse una campagna a favore del saluto romano, che doveva invogliare le persone a sostituirla alla stretta di mano ritenuta, oltretutto,’borghese’ e poco igienica. Nonostante gli sforzi volti a promuovere la campagna, il ‘saluto romano’ non riuscì a sostituire del tutto la stretta di mano tanto che anche alcuni dei personaggi più in vista del regime fascista continuarono a stringere mani dopo aver porto il saluto romano di rito.

 

27 Novembre 1990: l’Italia aderisce al Trattato di Schengen.  Ratificato nella città di Schengen, in Lussemburgo, il 14 Giugno 1985, tra un ristretto numero di Stati europei (Francia, Germania, Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi), questa convenzione aveva lo scopo di creare uno spazio privo di frontiere (detto Spazio Schengen) e tutto gli Stati aderenti avevano l’obbligo di abolire le frontiere interne in favore di una unica esterna, in modo tale da garantire la libera circolazione di persone, servizi e merci. Tutti i Paesi che hanno con il tempo aderito all’area Schengen hanno adottato gli stessi protocolli in materia di visti, diritto di asilo e controllo delle frontiere in generale. Questi accordi rientrano così in quel lungo cammino che continua ad essere l’ integrazione Europea.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->