mercoledì, Luglio 28

27 Novembre: Mattino

0

27 Novembre 1895: Alfred Nobel istituisce il Premio che porterà il suo nome. Istituito eseguendo le ultime volontà del chimico svedese, inventore della dinamite, è un’onorificenza attribuita, ogni anno, a persone che si sono distinte in diversi campi a seguito delle loro ricerche, scoperte e invenzioni, oppure per il valore della loro opera letteraria o per l’impegno a favore del mantenimento della pace. La volontà di istituire un premio alle persone che si fossero impegnate a portare benefici all’umanità, nacque da un episodio spiacevole che gli capitò durante un suo viaggio a Cannes nel 1888.  Mentre si trovava a Cannes, il fratello di Alfred, Ludvig, morì ma, a causa di un errore venne pubblicato il necrologio della morte di Alfred Nobel. Il necrologio condannava il chimico per  l’invenzione della dinamite, titolando <<Il mercante di morte è morto>>. Questo episodio avrebbe scaturito in Alfred Nobel il desiderio di essere ricordato dai posteri in maniera più positiva.

Jawaharlal_Nehru

27 Novembre 1946: il Primo ministro indiano Nehru chiede a USA e URSS di intraprendere una politica di disarmo nucleare. Jawaharlal Nehru, Primo ministro indiano dal 1947 al 1964, fu una delle personalità politiche più importanti durante i primi anni della Guerra Fredda. Pacifista convinto, seguì la linea politica-filosofica di Gandhi praticando la non violenza, guidando così l’India nei sui primi passi dopo l’indipendenza dalla Gran Bretagna.In politica estera, fu uno dei fondatori del ‘Movimento dei Paesi Non Allineati’, cioè quei Paesi le cui logiche governative erano lontani dalle linee politiche di Stati Uniti e Russia, mantenendo così una posizione neutrale. Deciso sostenitore delle Nazioni Unite, riconobbe la Repubblica Popolare Cinese subito dopo la sua fondazione, sostenendo l’ammissione di Pechino nelle Nazioni Unite e si rifiutandosi di marchiare il vicino come l’aggressore nel conflitto che andava delineandosi in Corea. Nehru sperava di agire, così, da intermediario per colmare il divario e le tensioni tra gli stati comunisti e il blocco occidentale.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->