domenica, Maggio 9

Corea del Nord: Kim sempre più ‘diplomatico’ per Trump Una delegazione di alti ufficiali nord-coreani, forse con lo stesso Kim, si è recata oggi a Pechino, mentre si riapre il dialogo con il Giappone.

0

In particolare, il Giappone ha ufficialmente lamentato il rapimento di 17 persone, tra le quali l’allora tredicenne Megumi Yokota, ma si sospetta che i sequestrati siano a centinaia. Pyongyang ha ammesso il rapimento di 13 giapponesi, cinque dei quali sono stati restituiti in maniera rocambolesca nel 2002. Otto sono dati per morti dalla Corea del Nord, che tuttavia non ha mai fornito alcuna prova definitiva su questa circostanza. Abe considera da lungo tempo il rientro dei rapiti una delle sue priorità, tanto da aver sensibilizzato sulla materia anche il presidente Usa Donald Trump.

Un eventuale summit Abe-Kim sarebbe il terzo vertice tra leader del Giappone e della Corea del Nord, dopo i due tra l’allora premier Junichiro Koizumi e il padre dell’attuale leader, Kim Jong Il, nel 2002 e nel 2004. L’ipotesi di un nuovo vertice è stata aperta dal dialogo intercoreano avviato in occasione delle Olimpiadi invernali di PyeongChang. Anche se il premier giapponese è apparso il leader più scettico nei confronti del summit intracoreano, il riavvicinamento avvenuto prima delle Olimpiadi ha causato un effetto domino per le relazioni diplomatiche, che da quel momento in poi stanno convergendo verso una linea diametralmente opposta rispetto alle tensioni dei precedenti mesi.

Infine, un’altra tappa importante nel puzzle geopolitico della Corea del Nord riguarda la prossima visita del Ministro degli Esteri nordcoreano, Ri Yong Ho, a Mosca a metà aprile. Lo riportano i media russi, riferendo, inoltre, che al centro dei colloqui ci sarà la questione dei lavoratori nordcoreani in Russa, un’importante fonte di reddito per il regime di Pyongyang. Le autorità di Mosca sono state costrette ad espellere i cittadini nordcoreani a seguito delle sanzioni Onu decise per fermare il programma nucleare e missilistico della Corea del Nord.

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->