venerdì, Maggio 14

Stati Uniti: gli adolescenti e la lotta alle armi L' analisi di Jean Twenge Docente di Psicologia della San Diego State University

0

Quando 17 persone sono state uccise alla Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland, in Florida, era solo l’ultima di una tragica lista di sparatorie di massa, molte delle quali a scuola. Poi è successo qualcosa di diverso: gli adolescenti hanno iniziato a parlare. Gli studenti di Stoneman Douglas hanno tenuto una conferenza stampa interessante per il controllo delle armi. Gli adolescenti, a Washington, D.C., hanno organizzato una protesta davanti alla Casa Bianca, con 17 persone distese a terra a simboleggiare le vite perse. Altre proteste organizzate da ragazzi sono previste per i prossimi mesi. Gli adolescenti non marciavano per le strade chiedendo il controllo delle armi dopo il massacro della Columbine High School nel 1999. Allora perché oggi i ragazzi e i giovani adulti – che ho soprannominato “iGen” nel mio recente libro su questa generazione – parlano e prendono azione? Con sparatorie di massa che si accumulano una dopo l’altra, questo è un momento storico unico. Ma la ricerca dimostra che iGen è anche una generazione unica, che può essere particolarmente sensibile alla violenza armata.

Di solito le persone non pensano agli adolescenti come avversi al rischio. Ma per iGen, è stato un inquilino centrale della loro educazione e prospettiva. Durante la loro infanzia, hanno vissuto l’ascesa del genitore di elicotteri, campagne anti-bullismo e, in alcuni casi, sono stati costretti a guidare i seggiolini di guida fino all’età di 12 anni. Il loro comportamento ha seguito l’esempio. Per il mio libro, ho condotto analisi di sondaggi ampi e pluridecennali. Ho scoperto che gli adolescenti di oggi hanno meno probabilità di entrare in scontri fisici e meno probabilità di entrare in incidenti automobilistici rispetto agli adolescenti solo 10 anni fa. Sono meno propensi a dire che a loro piace fare cose pericolose e non sono così interessati a correre rischi. Nel frattempo, dal 2000, i tassi di abbuffate adolescenti sono diminuiti della metà. Con la cultura così focalizzata sulla sicurezza dei bambini, molti adolescenti sembrano increduli che possano ancora accadere forme estreme di violenza contro i bambini – eppure così tanti adulti non sono disposti a risolvere il problema. «Chiediamo alle nostre legislature nazionali e statali di agire finalmente in modo responsabile e di ridurre il numero di questi tragici incidenti», hanno detto Eleanor Nuechterlein e Whitney Bowen, gli adolescenti organizzatori della menzogna del D.C. “È essenziale che ci sentiamo tutti al sicuro nelle nostre aule”.

In una recente analisi dei dati di sondaggi da 8 milioni di adolescenti dagli anni ’70, ho anche scoperto che gli adolescenti di oggi tendono a ritardare un certo numero di traguardiadulti“. Sono meno propensi dei loro predecessori ad avere una patente di guida, uscire senza i loro genitori, uscire, fare sesso e bere alcolici a 18 anni. Questo potrebbe significare che, rispetto alle generazioni precedenti, è più probabile che pensino a se stessi come ai bambini durante la loro adolescenza. Come diceva David Hogg, diciassettenne Stoneman Douglas High School, «siamo bambini. Voi ragazzi siete gli adulti. Devi fare qualcosa».

Inoltre, con la maturazione di questa generazione, hanno assistito a norme più severe in materia di età per i giovani su qualsiasi cosa, dall’acquisto di sigarette (con un’età minima di 21 anni in diversi stati) alla guida (con leggi di guida graduate). Politici e genitori sono stati desiderosi di regolamentare ciò che i giovani possono e non possono fare. E questa è una delle ragioni per cui alcuni sopravvissuti hanno difficoltà a capire perché gli acquisti di armi non sono regolati. «Se le persone non possono acquistare marijuana o alcool all’età di 18 anni, perché dovrebbero avere accesso alle pistole?», ha chiesto la liceale Lyon Skinner della Stoneman Douglas High School. Ha un punto: il tiratore, Nikolas Cruz, ha 19 anni. Secondo le leggi della Florida, potrebbe legalmente possedere un’arma da fuoco all’età di 18 anni. Ma – perché ha meno di 21 anni – non ha potuto comprare alcolici.

Allo stesso tempo, gli adolescenti iGen – come i loro predecessori millenari – sono altamente individualisti. Credono che i diritti dell’individuo debbano superare le regole sociali tradizionali. Ad esempio, ho scoperto che sono più favorevoli al matrimonio tra persone dello stesso sesso e alla marijuana legalizzata rispetto alle generazioni precedenti alla stessa età.

Le loro convinzioni politiche tendono a propendere per il libertarismo, una filosofia che favorisce i diritti individuali sui regolamenti del governo, compresa la regolamentazione delle armi. Abbastanza sicuro, il supporto per la protezione dei diritti delle armi è aumentato tra i millennial e iGen tra il 2007 e il 2016.

Ma anche un ideologo libertario non sosterrebbe mai che la libertà individuale si estenda all’uccidere gli altri. Quindi forse gli adolescenti di oggi si stanno rendendo conto che il diritto di possesso di una pistola regolato in modo approssimativo può portare alla morte di un’altra persona o alla morte di 17 dei loro insegnanti e compagni di classe.

Le richieste dei ragazzi potrebbero essere viste come se andassero su questa linea: non stanno chiedendo proibizioni all’ingrosso su tutte le pistole. Invece, sperano in riforme sostenute dalla maggior parte degli americani, come la limitazione della vendita di armi d’assalto e controlli più severi sullo sfondo.

Sulla scia delle riprese della Stoneman Douglas High School, l’approccio dei giovani all’attivismo – protesta pacifica, attenzione alla sicurezza e richieste di una regolazione incrementale della pistola – si adatta a questa generazione. Forse la generazione ‘iGen’ farà da apripista al cambiamento

 

Traduzione dell’ articolo ‘Why this generation of teens is more likely to care about gun violence‘ scritto da Jean Twenge Docente di Psicologia della San Diego State University per The Conversation

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->