domenica, Maggio 9

24 Novembre: Mattino field_506ffbaa4a8d4

0

fbi_lab

24 Novembre 1932: si apre l’era ‘CSI’ per le investigazioni scientifiche. Partono, infatti, le attività del laboratorio del crimine che viene chiamato ‘FBI Scientific Crime Detection Laboratory‘, a Washington, DC. Il laboratorio, che fu scelto solo perché aveva come infrastruttura un indispensabile lavandino, aveva solo un dipendente a tempo pieno, l’agente Charles Appel. Il funzionario iniziò con un microscopio in prestito e un dispositivo pseudo-scientifico chiamato helixometer. Tale strumento presumibilmente serviva ad assistere gli investigatori nell’esaminare le canne di fucile, ma era in realtà più uno strumento di sola immagine. Nelle vere intenzioni di J. Edgar Hoover, l’allora capo dell’FBI, che affidò al laboratorio pochissime risorse, era utilizzare la struttura unicamente come strumento di pubbliche relazioni. Ma nel 1938, il laboratorio dell’FBI riuscì ad ottenere macchine poligrafiche e iniziò a condurre controversi test di rilevazione delle menzogne come parte integrante delle sue funzioni. Nei suoi primi anni di vita, l’FBI Crime Lab lavorò su circa 200 elementi di prova. Dal 1990, il numero sale esponenzialmente, a circa 200.000 casi. Attualmente, l’FBI Crime Lab ottiene 600 nuovi elementi di prova su fatti criminali, tutti i giorni.

 

prima guerra mondiale-2

24 Novembre 1874: negli Stati Uniti d’America, in Illinois, viene inventato il filo spinato. Tale strumento, ha assunto un’importanza fondamentale nella storia dell’umanità, sia con caratteristiche positive, sia negative. Tra quelle positive si possono annoverare l’uso che ne è stato fatto per contenere il bestiame all’interno di un appezzamento di terreno, segnando il passaggio da un’economia basata sull’allevamento a una basata sulle coltivazioni agrarie. Ad ogni modo, l’immagine ricorrente che si associa a questo strumento è quella della guerra. Il primo conflitto che impiegò il filo spinato fu la Guerra Civile Americana, uso che si protrasse anche alla Prima Guerra Mondiale, fino all’invenzione dei carrarmato, che resero l’applicazione bellica dell’invenzione meno efficace che nel passato.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->