venerdì, Settembre 24

21 Novembre field_506ffbaa4a8d4

0

640px-ToyStory-To-Infinity-and-Beyond!

21 Novembre 1995: esce nelle sale cinematografiche americane il film ‘Toy Story’. Realizzato dalla casa di produzione Pixar e distribuito dalla Walt Disney Pictures, è il primo lungometraggio animato realizzato completamente in computer grafica. Diretto da John Lasseter, il film narra le avventure del bambolotto cowboy Woody (nel cui doppiaggio originale ha la voce di Tom Hanks), dell’astronauta Buzz Lightyear e di tutta la banda di giocattoli che prendono vita, quando nessun essere umano li osserva. L’idea di lanciare un film interamente in computer grafica fu dello stesso Lasseter che, vistosi bocciare l’idea proprio dalla Disney stessa, decise di fondare la Pixar insieme agli imprenditori della Apple Inc, dopo un periodo di ‘apprendistato’ alla Lucasfilm. Grazie al cortometraggio ‘Tin Toy’ e ad un nuovo successivo interessamento al progetto di Lasseter da parte della Disney, Toy Story riesce ad approdare nelle sale cinematografiche, divenendo non solo il film che ha incassato di più per l’anno 1995, ma anche a vincere un’Oscar Speciale come miglior film di animazione nel 1996.

Clicca qui per vedere il video. Seguici anche su Youtube!

 

1024px-DaytonAgreement

21 Novembre 1995: vengono siglati gli accordi di Dayton che pongono fine alla guerra in Bosnia ed Erzegovina. I più alti rappresentanti di Croazia, Serbia ed Erzegovina, si riunirono in una nella base Wright Patterson Air Force in Ohio (USA), per dar luogo ad una Conferenza di pace avente lo scopo di porre fine alla guerra che imperversava da quasi da tre anni nella regione dei Balcani. Con la mediazione dello statunitense Richard Holbrook, coadiuvato dai rappresentanti dell’Unione Europea e della Russia, si giunse alla ratifica di un accordo che sanciva l’intangibilità delle frontiere e riconosceva per la prima volta l’esistenza di due entità ben distinte in Bosnia ed Erzegovina: la Federazione Croata-mussulmana e la Repubblica Serba. L’accordo consentiva, inoltre, ai profughi la possibilità di fare ritorno presso i propri Paesi di origine.

Foto in copertina: ‘Toy Story‘, by ‘The Walt Disney Company’.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->