giovedì, Maggio 13

21 cannoni per Trump: 21-Gun Salute L'Esercito americano lancia un saluto con 21 colpi di cannone in onore di una bandiera nazionale o del Presidente degli Stati Uniti

0

Il Presidente uscente Donald Trump non sarà presente al giuramento di Joe Biden e lascierà la Casa Bianca di primo mattino, a bordo del Marine One, l’elicottero presidenziale, diretto alla Joint Base Andrews, la base militare del Maryland utilizzata dall’Air Force One. Qui alla base è in programma una cerimonia di addio.

Secondo i principali media statunitenti, la Casa Bianca ha spedito gli inviti, pregando i partecipanti di arrivare fra le 6 e le 7.15 e l’evento dovrebbe iniziare 45 minuti dopo, cioè alle 8. Pochi dettagli certi sono trapelati sull’evento. Secondo quanto riferito, Trump avrebbe voluto una cerimonia sontuosa con tappeto rosso, 21 salve di cannone, una banda militare e soprattutto un sacco di sostenitori. Ma secondo la ‘Cnn’, il Ministero della Difesa avrebbe negato a Trump la presenza delle forze armate. Ma sulla questione non si sa ancora nulla di preciso, riferiscono le agenzie.

Ma cosa sono i 21 colpi a salve, i 21-Gun Salute, per i quali Trump avrebbe fatto esplicita richiesta? E perché sarebbero così importanti?

Ci spiega di cosa si tratta il sito ufficiale di Arlington National Cemetery.

«Il saluto del cannone o dell’artiglieria è una tradizione militare che ha avuto origine nel XIV secolo. Il saluto con 21 cannoni, comunemente riconosciuto da molte Nazioni, è il più alto onore reso. L’usanza deriva dalla tradizione navale, quando una nave da guerra indicava la sua mancanza di intenti ostili sparando con i suoi cannoni in mare fino a quando tutte le munizioni non fossero state esaurite. La marina britannica sviluppò l’usanza del saluto con sette cannoni, perché le navi militari avevano tipicamente sette cannoni (e forse anche a causa del significato biblico e mistico del numero sette). Poiché maggiori quantità di polvere da sparo potevano essere immagazzinate sulla terraferma, i forti potevano sparare tre colpi per ogni colpo sparato in mare -da cui il numero 21. Con il miglioramento della polvere da sparo navale, anche gli onori resi in mare aumentarono a 21. Il saluto con 21 cannoni alla fine divenne lo standard internazionale.

Negli Stati Uniti, l’usanza è cambiata nel tempo.
Nel 1810, il Dipartimento della Guerra definì ilsaluto nazionaleuguale al numero di Stati dell’Unione (all’epoca 17). Questo saluto è stato lanciato da tutte le installazioni militari statunitensi nel Giorno dell’Indipendenza e ogni volta che il presidente ha visitato un’installazione militare.
Nel 1842, il saluto con 21 cannoni fu designato come ilsaluto presidenziale’, e nel 1875 gli Stati Uniti seguirono la Gran Bretagna adottando il saluto con 21 colpi come saluto internazionale.

Oggi, l’Esercito americano lancia un saluto con 21 colpi di cannone in onore di una bandiera nazionale, di un sovrano o capo di Stato di una Nazione straniera, di un membro di una famiglia reale regnante e del Presidente, ex presidenti e Presidente eletto degli Stati Uniti. Il saluto con 21 colpi di pistola viene sparato anche a mezzogiorno del compleanno di George Washington, del President’s Day, del Memorial Day, dell’Independence Day e del giorno del funerale di un Presidente, ex Presidente o Presidente eletto.

I saluti delle armi per altri leader militari e civili statunitensi e stranieri variano in numero, in base al protocollo e al grado del premiato. Questi saluti sono sempre in numero dispari.

Il saluto con 21 colpi di cannone non deve essere confuso con il saluto a tre raffiche (o raffica con tre fucili) reso ai funerali degli onori militari , che potresti vedere o sentire al cimitero nazionale di Arlington.

Il saluto con 21 cannoni è diventato l’onore più alto reso da una Nazione».

Trump non poteva uscire di scena senza richiedere il massimo onore e la massima deferenza che la Nazione possa attribuirgli, anche in considerazione del fatto che per lui, come per Luigi XIV, ‘lo Stato sono io’.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->