venerdì, Maggio 14

2018: le novità tech più attese Tra riconoscimento facciale, realtà aumentata e robot

0

Quali saranno le novità tech del 2018? Sicuramente il 5G che, con una banda teorica da 100 Mbps a 10 Gbps, garantirà un consumo di energia ridotto e un tempo di attesa inferiore. Avrà effetti in diversi settori della vita associata.

Grande impulso avranno gli ‘smart digital assistents‘, i piccoli assistenti digitali: da Alexa di Amazon, in grado di risvegliare l’ utente al mattino con le musiche preferite, all’ Apple’s Siri,  “un’assistente digitale in grado di individuare il parlato sussurrato e fornire una risposta sussurrata”.La voce normale di Siri potrebbe essere d’ aiuto in una biblioteca, in un ufficio con pareti sottili, oppure anche solo per preservare la propria privacy senza rinunciare ai comandi vocali. Sempre più protagonisti della vita quotidiana “social robots“: dalle imprese alla sanità.

Altrettanto importante la ‘realtà aumentata‘, il cui boom era coinciso con l’app del 2016 Pokemon Go. Sempre più numerosi i contenuti digitali sovrapposti al mondo reale. In arrivo,  gli One di Magic Leap. Anche il ‘riconoscimento facciale’ sarà centrale. Il volto, scannerizzato a livello tridimensionale, sostituirà il pin nello sblocco, con il Face ID, dell’iPhone X, il telefono più atteso del 2017,  Sulla stessa strada, potrebbero trovarsi anche Huawei Mate 10 Pro e la Samsung.

(Video tratto dal canale Youtube USATODAY)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->