lunedì, Ottobre 18

20 Novembre field_506ffbaa4a8d4

0

norimberga

20 Novembre 1945: inizia, a Norimberga, il processo contro i gerarchi nazisti. Ventiquattro tra i maggiori esponenti del Partito Nazionalsocialista tedesco compaiono davanti al Tribunale Internazionale per rispondere dell’accusa di aver commesso crimini di guerra e contro l’umanità. Con le Conferenze di Teheran, Yalta e Postdam , le tre potenze alleate di USA, URSS e Gran Bretagna, decisero di istituire questo tribunale con lo scopo di punire coloro che avevano scatenato il Secondo Conflitto Modiale. Alla sbarra degli imputati sedettero Martin Bormann (Segretario del Partito), Herman Goering (capo della Luftwaffe), Joachin Von Ribbentrop (Ministro degli Esteri) e Alfred Rosenberg (ideologo e padre delle tesi naziste). Dal processo emersero tutti i retroscena delle strategie naziste e si venne a conoscenza, per la prima volta a livello internazionale, del dramma della Shoa. Dei 24 imputati, solo tre vennero assolti, i restanti vennero condannati all’ergastolo se non alla morte per impiccagione. Dopo questo processo, conclusosi nel 1946, ne seguirono altri dodici contro medici, giuristi, industriali tedeschi e membri delle SS.

 

Cabret-

20 Novembre 1966: premiere del musical ‘Cabaret’. Sul palcoscenico di un affollato Broadhurst Theatre, a New York, fa il suo debutto uno dei musical più famosi di Broadway. Tratto dal romanzo di Christopher Isherwood, diretta da Harold Prince, produttore e regista che vanta il maggior numero di Tony Award (uno dei massimi premi istituiti per il Teatro) e coreografie di Ron Fields, questo musical andrà in scena per 1165 volte e sarà uno dei più riproposti nel corso degli anni, ispirando anche pellicole cinematografiche di grande successo. Ambientato nella Germania Nazista degli anni Trenta, nel 1967 vincerà otto Tony Award, tra cui miglior musical e miglior colonna sonora.

Clicca qui per vedere il video. Seguici anche su Youtube!

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->