lunedì, Maggio 16

1991: quando l’America cercò di mantenere l’Ucraina nell’URSS In quella fase, Washington era schierata con Mosca nel tentativo di soffocare o scoraggiare gli sforzi nazionalisti locali per rompere con il vecchio Stato sovietico

0

Al governo degli Stati Uniti oggi piace fingere di essere il perenne sostenitore dell’indipendenza politica per i paesi che un tempo erano dietro la cortina di ferro. Ciò che spesso viene dimenticato, tuttavia, è che nei giorni successivi alla caduta del muro di Berlino, Washington si oppose all’indipendenza delle repubbliche sovietiche come l’Ucraina e gli stati baltici.

In effetti, l’amministrazione Bush ha apertamente sostenuto gli sforzi di Mikhail Gorbaciov per tenere unita l’Unione Sovietica piuttosto che consentire all’URSS di decentrarsi in stati più piccoli. Il governo degli Stati Uniti e i suoi sostenitori sulla stampa hanno ritenuto che il nazionalismo, non il dispotismo sovietico, fosse il vero problema per i popoli dell’Europa orientale e del Caucaso.

Infatti, nel caso dell’Ucraina, il Presidente George H.W. Bush si recò persino a Kiev nel 1990 per tenere una conferenza agli ucraini sui pericoli della ricerca dell’indipendenza da Mosca, mentre denunciava la presunta minaccia nazionalista.

Oggi, il nazionalismo è ancora uno spauracchio preferito tra i portavoce dell’establishment di Washington. Questi opinano regolarmente sui pericoli del nazionalismo francese, del nazionalismo ungherese e del nazionalismo russo. Si vede spesso il termine nazionalismo applicato in modi progettati per rendere il termine sgradevole, come in “nazionalismo bianco”.

Quando il nazionalismo fa comodo all’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) e ai suoi scrocconi europei, d’altra parte, ci viene detto che il nazionalismo è una forza positiva. Pertanto, il regime statunitense e i media mainstream generalmente pretendono che il nazionalismo ucraino – e persino il nazionalismo bianco ucraino – non esistano o debbano essere lodati.

Nel 1991, tuttavia, gli Stati Uniti non avevano ancora deciso di sostenere e promuovere attivamente il nazionalismo, purché si tratti di nazionalismo anti-russo. Così, in quei giorni, troviamo il governo degli Stati Uniti schierato con Mosca nel tentativo di soffocare o scoraggiare gli sforzi nazionalisti locali per rompere con il vecchio stato sovietico. Il modo in cui si è svolto è un caso di studio interessante sia nel maldestro dell’amministrazione Bush che nella politica estera degli Stati Uniti prima dell’avvento dell’egemonia liberale americana unipolare.

Il contesto antinazionalista

Alla fine degli anni ’80, era già evidente che l’Unione Sovietica stava cominciando a perdere la presa su molte parti dell’enorme sistema politico che era l’URSS. I nazionalisti irrequieti all’interno dell’Unione Sovietica stavano iniziando ad affermare il controllo locale. Ad esempio, nel 1989, armeni e azeri etnici erano già coinvolti nel conflitto sul Nagorno-Karabakh che continua ancora oggi. Violenze etniche mortali sono divampate, ma Mosca, nel suo stato indebolito, ha rimandato l’azione. Eppure, nel gennaio 1990, Mosca ha agito in quello che oggi in Azerbaigian è conosciuto come il “gennaio nero”. I carri armati sovietici entrarono nella città portuale di Baku sul Mar Caspio e uccisero fino a 150 azeri, molti dei quali civili: “Lo scopo apparente dell’intervento era fermare i massacri azeri di armeni, ma il vero obiettivo era prevenire il Fronte popolare azerbaigiano dalla presa del potere”. Il Fronte popolare era il principale braccio politico del nazionalismo anti-mosca in Azerbaigian, e il suo leader dichiarò: “L’obiettivo è cacciare l’esercito, liquidare il Partito Comunista azerbaigiano [controllato da Mosca], ​​stabilire un parlamento democratico”.

Eppure, invece degli esperti di Washington che ordinavano agli americani di annunciare “Sono con l’Azerbaigian”, ci è stato detto che la vera minaccia era il nazionalismo. Come scrisse Doyle McManus al Los Angeles Times nel 1990: “Un antico spettro perseguita l’Europa: il nazionalismo selvaggio…. Da Baku a Berlino, mentre il blocco sovietico si è disintegrato, i conflitti etnici che un tempo sembravano parte del passato sono improvvisamente tornati in vita”. Questi vecchi impulsi nazionalistici, ha affermato un funzionario del Dipartimento di Stato, sono “fantasmi pericolosi” del passato dell’Europa. Zbigniew Brzezinki, consigliere per la politica estera dell’establishment, ha affermato che le tensioni etniche potrebbero portare all'”anarchia geopolitica”. I funzionari dell’amministrazione Bush erano “preoccupati” che gruppi nazionali più piccoli potessero sostituire l’Unione Sovietica. A quel tempo, non era raro sentire che il nazionalismo in Europa avrebbe portato a una situazione simile a quella che avrebbe causato la prima guerra mondiale. Come disse un “consigliere anziano di Bush”, “È di nuovo il 1914”.

Quindi, quando i carri armati sovietici si sono presentati per schiacciare un potenziale colpo di stato che avrebbe potuto liberare alcuni sudditi sovietici dal giogo di Mosca, la sensazione a Washington era di sollievo piuttosto che di sgomento per l’aggressione di Mosca. Washington si era aggrappata all’idea che la risposta al nazionalismo fosse garantire la continua esistenza di – come disse Murray Rothbard – “un’unica agenzia governativa prevalente con una forza di monopolio per risolvere le controversie con la coercizione”. Quell’agenzia era l’URSS.

Gli Stati Uniti contro l’indipendenza per l’Ucraina e i Paesi baltici

Era l’inizio del 1990. Verso la fine del 1990, d’altra parte, era sempre più evidente che lo stato sovietico era in gravi difficoltà e gli eventi stavano andando oltre il controllo di Mosca o Washington. La situazione nei Paesi baltici era particolarmente grave. Il 30 marzo 1990 la Lituania dichiarò l’indipendenza e si separò dall’Unione Sovietica. Lo stato sovietico ha risposto con un blocco. Anche Lettonia ed Estonia iniziarono a muoversi verso l’indipendenza, sebbene questi due paesi non si sarebbero formalmente separati fino alla fine di agosto 1991.

Eppure, anche all’inizio di agosto 1991, Washington sotto George H.W. Bush era ancora ossessionato dalla “minaccia” nazionalista. All’inizio del 1990, i sovietici avevano affermato che l’indipendenza del Baltico era “una minaccia alla stabilità europea” e questa posizione, secondo il Los Angeles Times, aveva “ottenuto una notevole simpatia all’interno dell’amministrazione Bush e nelle capitali dell’Europa occidentale”.

Questa preferenza per l’unità e l’“ordine” forzati da Mosca rispetto al decentramento nazionalista fu nuovamente in piena mostra il 1° agosto 1991. Fu allora che George Bush pronunciò il suo famigerato discorso “Chicken Kiev”. In questo discorso al Soviet Supremo dell’URSS ucraina, Bush ha arringato gli ucraini sulla necessità di accettare il governo di Mosca e rifiutare il nazionalismo, affermando

Eppure la libertà non è la stessa cosa dell’indipendenza. Gli americani non sosterranno coloro che cercano l’indipendenza per sostituire una tirannia lontana con un dispotismo locale. Non aiuteranno coloro che promuovono un nazionalismo suicida basato sull’odio etnico.

In altre parole, lo spauracchio nazionalista è stato invocato per tenere unita l’Unione Sovietica. Il dito di Bush contro i secessionisti fu ben accolto dai comunisti ‘moderati’ filo-Mosca. Ma fu accolto meno bene dai nazionalisti ucraini, per usare un eufemismo, e anche i secessionisti baltici furono inorriditi. Ma pochi stavano aspettando l’approvazione degli americani. Meno di sei mesi dopo, tutti i Paesi baltici si erano separati dall’URSS e un referendum ucraino sull’indipendenza passò facilmente. (Il debole sostegno alla secessione è continuato in Crimea e in parti dell’Ucraina orientale.)

Nel pronunciare questo discorso, Bush agiva essenzialmente come ambasciatore di Gorbaciov, e sostenne chiaramente il ‘Trattato di tutta l’Unione’, che avrebbe dovuto creare una nuova versione illuminata dell’Unione Sovietica che avrebbe sostituito la vecchia URSS.

Tuttavia, se l’Unione Sovietica voleva tenere insieme, avrebbe richiesto la partecipazione degli ucraini. Ciò non accadde e venne scritto nel 1992: “Fu l’Ucraina, guidata dal presidente Leonid Kravchuk, che alla fine provocò il disfacimento dell’impero sovietico: il rifiuto dell’Ucraina di firmare il trattato sindacale di Mikhail Gorbaciov fece precipitare il crollo dell’URSS”.

Per la maggior parte, gli Stati Uniti avevano ripetutamente messo in guardia contro i pericoli della secessione e la minaccia del nazionalismo. Invece, la linea del partito a Washington sembrava essere che la vecchia Unione Sovietica potesse essere riformata in un nuovo grande stato in cui la democrazia avrebbe tenuto in riga i lituani, gli ucraini, gli azeri, gli armeni e innumerevoli altri. Dopotutto, dal punto di vista di Washington, la fine del grande stato non è una rinascita della libertà, ma un’esplosione di “caos” e “instabilità”. Pertanto, Mosca è stata trattata come un’amica di Washington molto più grande dei secessionisti di Kiev o di Riga.

Il panico per il nazionalismo nell’ex Unione Sovietica, tuttavia, non persistette. Il dietrofront di Washington su tutto questo è arrivato quando Washington ha capito che poteva estendere il suo “momento unipolare” espandendo la NATO, nonostante la promessa di non estendere la NATO verso est. Una volta che è diventato chiaro che il nazionalismo poteva essere sfruttato per servire i fini degli espansionisti della NATO, allora il nazionalismo è diventato una caratteristica della “sovranità” e dell'”ordine basato sulle regole”. Ma come abbiamo visto con il parlare male degli sforzi polacchi e ungheresi per controllare i propri confini e affermare l’indipendenza da Bruxelles, il nazionalismo è intollerabile ogni volta che crea disagi alla Commissione europea o alla Casa Bianca.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->