martedì, Maggio 18

19 Dicembre: Sera

0

titanic

19 Dicembre 1997: esce nelle sale cinematografiche il film ‘Titanic’, di James Cameron. La storia dello sfortunato transatlantico che affondò nelle gelide acque a largo della Groenlandia, che qui fa da sfondo alla storia d’amore tra Leonardo Di Caprio e Kate Winslet, venne riproposto al grande pubblico in quella che si è dimostrata una delle produzioni più costose della Storia del Cinema. La realizzazione del film iniziò nel 1995, quando il regista Cameron decise di riprendere alcune immagini del relitto, posto sul fondo dell’Atlantico dal giorno dell’affondamento, il 15 Aprile 1912, a bordo di un robottino esploratore che lo portò all’interno della nave. Le scene del film vennero in seguito girate a Playa de Rosarito, Baja California che, con i suoi km di spiaggia, era abbastanza grande da contenere una enorme vasca nel quale vennero realizzate le scene di mare. Per realizzare le scenografia, il regista chiese la collaborazione della White Star Line, la compagnia navale che costruì il Titanic, così da poter replicare ogni singolo dettaglio del transatlantico. Si avvalse inoltre di modellini in scala e di immagini girate a computer, non trascurando però l’effetto ‘realtà’: le scene nelle acque, rese fredde per ricreare l’effetto congelamento, per esempio, sono state girate dagli stessi attori che vennero ripresi da telecamere resistenti alla bassa pressione. La bellissima scena della scalinata, addirittura, dove la protagonista incontra il suo amore, dovette essere  girata una volta sola, prima che l’acqua la distruggesse. Il film fu una rivelazione, ottenendo non solo un enorme successo, ma diventando il secondo film di maggior incasso della Storia, vincendo 11 Premi Oscar, alla pari con film del calibro di Ben Hur e del Signore degli Anelli. Intervistato dopo l’uscita del fil, James Cameron dichiarò che aveva voluto realizzare il film del Titanic solo per poter avere una scusa per scendere nelle profondità delle acque e vederlo dal vero. (Clicca qui per vedere il video. Seguici anche su Youtube!). 

640px-Apollo_17_liftoff

19 Dicembre 1972, l’Apollo 17 rientra sulla Terra, dopo aver compiuto l’ultimo viaggio sulla Luna della Storia. Partita da Cape Canaveral il 7 dicembre,  fu l’ultima missione con equipaggio umano del programma spaziale americano ‘Apollo’  della NASA e la terza missione di ‘tipo J ‘caratterizzata da un’intensa indagine scientifica della Luna,  sia della superficie sia dell’orbita lunare, rendendo questa missione unica nel suo genere. Primo lancio notturno della Storia aerospaziale, il modulo partì con a bordo il Comandante Eugene Cernan, il pilota del Modulo di Comando Ron Evans e il pilota del Modulo Lunare Apollo Harrison Schmitt, destinato a diventare l’ultimo uomo a mettere piede sulla Luna. La decisione di allunare nella valle di Taurus-Littrow fu uno degli obiettivi primari della missione, che consisteva nell’analizzare materiale lunare dell’altopiano più vecchio, nei pressi del ‘Mare Serenitatis‘,  e valutare  la possibilità di un’attività vulcanica nelle vicinanze. La valle inoltre offriva una migliore copertura orbitale ed un migliore utilizzo del rover lunare. La missione superò anche vari record stabiliti dai voli precedenti, tra cui la più lunga permanenza sul suolo,  il tempo totale attività extraveicolare lunare, la più alta quantità di campioni raccolti e il più lungo soggiorno in orbita. Eseguiti i test e portati a termine tutti gli scopi prefissati,  l’Apollo 17 fece ritorno sulla Terra, ammarando nelle acque dell’Oceano Pacifico. L’equipaggio venne recuperato dalla portaerei ‘USS Ticonderoga’, già nave di recupero dell’Apollo 16. Con questa missione ebbe termine il programma lunare americano.

Foto di copertina: copyright Paramounth Pictures Corporation and Twenty Century Fox Film Corporation (fonte)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->