venerdì, Settembre 24

18 Dicembre: Sera field_506ffbaa4a8d4

0

piltdown

18 Dicembre 1912: vengono ritrovati i resti dell’Uomo di Piltdown’, anello di congiunzione tra l’uomo e la scimmia. Famosa truffa a danno della comunità paleontologica inglese, consistette nel ritrovamento di alcuni frammenti cranio e osso mandibolare, da parte dell’archeologo Charles Dawson, in una cava di ghiaia nella zona di Piltdown, nell’East Sussex. La particolarità di questi frammenti fu che, mentre la forma dei frammenti cranici corrispondevano a quelli di un essere umano, la mascella aveva le fattezze di quella delle scimmie. La scoperta dei resti dell ‘Eoanthropus dawsoni’ (dal nome dello scienziato), fu resa nota durante una riunione del Geological Society of London, dove il Direttore del British Museum, Arthur Smith Woodward, cui i resti erano stati sottoposti a verifica, dichiarò che la forma dell’occipite e della mandibola rispondevano a quelle di uno scimpanzè e, per tale motivo, l’Uomo di Piltdown doveva necessariamente essere l’anello mancante dell’evoluzione umana,dimostrando così come l’uomo discendesse dalla scimmia, secondo le teorie molto in voga in quell’epoca. La presentazione fatta dal direttore Woodward non convinse già da subito e diversi scienziati si apprestarono a dimostrare come i reperti di Dawson appartenessero a due specie diverse, non alla stessa. Si dovette però attendere il 1953, prima che i dubbi sulla veridicità della scoperta fossero in effetti confermati, quando i ricercatori Le Gros Clark e Oakley dimostrarono la truffa colorando i resti con una soluzione di ferro e acido cromico e rilevando i segni di una lavorazione artificiale per modellarne la forma, in modo da farla combaciare con una verosimilmente umana.

tube

18 Dicembre 1890: a Londra viene aperta al pubblico quella che diventerà la prima metropolitana moderna. La ‘City and South London Railways’, è la più antica rete metropolitana del mondo, la più estesa d’Europa e la quarta del mondo per estensione. Fu la prima rete ferroviaria in sotterranea e la prima ad adottare mezzi di locomozione elettrici. La prima linea metropolitana venne, in realtà, inaugurata nel 1863, ma non era latro che una normale locomotiva a vapore che correva nel sottosuolo, con vagoni dalla prima alla terza classe, che comunque venne accolta dai londinesi con tale entusiasmo da spingere la realizzazione di nuove linee, gestite dalla Metropolitan District Railways. La prima metropolitana tubolare venne costruita nel 1870, quando l’ingegnere Barlow realizzò la ‘Tower Subway’,  che collegava la Tower Hill con Bermondsey, dove circolavano vagono trainati da un cavo, ma funzionò soltanto pochi mesi. Il salto di qualità lo si ebbe con James Henry Greathead, che perfezionò il metodo di Barlow, realizzando la prima ‘Tube’ (come gli inglesi chiamano affettuosamente la metropolitana, a causa della sua forma tubolare), antesignana delle metropolitane moderne, con treni arrotondati senza finestrini, detti  padded cells e trainati da un locomotore elettrico. Da qui, lo sviluppo delle linee metropolitane fu inarrestabile: nel 1898 aprì la Waterllo e City Line, nel 1900 la Central, nel 1906 la Piccadilly e così via. Oggi la metropolitana di Londra è lunga 402 km, con 11 linee e 270 stazioni ed è il mezzo più utilizzato dai cittadini di Londra, che la preferiscono ai caratteristici bus.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->